romina farias B5LZDN t fc unsplash scaled

La naturale presenza dei peli sul corpo rappresenta un inestetismo e un problema ormai per tutte le donne, ma anche per gli uomini. In realtà, fin dall’antichità si è cercato un modo per rimuovere i peli dal proprio corpo, basti pensare agli egizi che utilizzavano palline di resina o miele per estirpare i propri peli.
Oggi, per fortuna, esistono diversi metodi di depilazione (recisione del pelo nel suo strato superficiale) o epilazione (che prevede la rimozione del pelo dal bulbo pilifero) per ottenere una pelle liscia. Il primo metodo si ottiene essenzialmente attraverso l’utilizzo di rasoi e creme depilatorie; il secondo attraverso cerette, laser, ecc. 

Tuttavia, la depilazione non è mai piacevole, soprattutto nel caso della ceretta, in cui si avverte spesso dolore e che in alcuni casi può causare anche irritazioni, arrossamenti e prurito subito dopo la sua esecuzione.
Come evitare o cercare quantomeno di limitare le irritazioni post-epilazione?

Preparare la pelle prima dell’epilazione

Sebbene le classiche irritazioni e bolle scompaiano dopo pochi giorni dall’epilazione, ci sono delle piccole accortezze e trucchetti che si possono mettere in atto per prevenirne la comparsa.
Qualche giorno prima della ceretta è utile fare uno scrub o un semplice guanto di crine al fine di rimuovere tutte le cellule morte dell’epidermide delle zone da trattare. In commercio esistono molteplici scrub, ma è possibile realizzarlo anche in casa unendo zucchero di canna, miele e yogurt.
Inoltre, prima di procedere con l’epilazione con la ceretta, applicare un po’ di talco sulle zone interessate dall’epilazione aiuta ad eliminare i peli senza rischiare di tirare la pelle con lo strappo. 

Scegliere il metodo di epilazione più adatto alla propria pelle

Come già affermato prima, ormai esistono infiniti metodi e prodotti, più o meno dolorosi, per depilarsi e ottenere una pelle liscia e senza peli. È fondamentale perciò conoscere il proprio tipo di pelle e scegliere i prodotti più consoni. La professionalità dell’estetista assicura essenzialmente un risultato migliore. Nonostante ciò specie nei casi di pelle sensibile, anche la migliore estetista non può evitare il manifestarsi di alcune fastidiose irritazioni.
La classica ceretta a caldo liposolubile (da rimuovere con le strisce) è il metodo più usato. Ma forse quello che potrebbe causare maggiori arrossamenti, anche se in commercio ce ne sono diverse a base di ingredienti come aloe vera, olio di argan o cocco che svolgono funzioni idratanti.
La nuova frontiera è invece la ceretta brasiliana, di origine naturale e più delicata grazie alla sua bassa temperatura di fusione e che non prevede l’utilizzo di strisce per rimuoverla. Da eseguire nei centri estetici o a casa, i kit ceretta brasiliana professionale permettono un’epilazione meno invasiva, ideale per pelli fragili e soggette a follicolite.

Rimedi post-epilazione e piccoli accorgimenti

Per lenire la pelle nel caso si presentino arrossamenti, si può ricorrere all’aloe vera, nota per le sue proprietà rinfrescanti; alla camomilla, applicata su un batuffolo di cotone che permette di calmare e lenire la zona. O un impacco di ghiaccio avvolto in un panno di cotone (o semplicemente di acqua fredda). Al fine di richiudere i pori aperti dal calore della ceretta.

Una volta che la pelle è pulita e asciutta, è consigliato applicare anche una crema delicata e idratante. Che non contenga alcool o profumo (potrebbero sensibilizzare ancora di più la zona interessata). Inoltre, un ulteriore accorgimento per lenire il rossore o il bruciore è quello di utilizzare della biancheria di cotone chiaro. Evitando di indossare degli indumenti attillati ed di materiale sintetico che favoriscono le irritazioni e la sudorazione.
Nei casi in cui l’irritazione sia molto intensa, è invece necessario rivolgersi ad un dermatologo. Che vi saprà indicare una cura o dei rimedi su misura.

Di Luca Talotta

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *