Ceres a Torino
Ceres a Torino

Spazio alla street art, a Torino e Napoli, con Ceres che s’innalza a protagonista assoluta di questo nuovo genere di pubblicità. Nelle due città italiane, infatti, la birra per eccellenza torna ad accendere con il colore la strada, lì dove si possono trovare la gente normale, i vip ma anche tante forme di arte, di comunicazione.

Buzzoole

E dunque, sulla falsariga di quanto accadeva già nelle campagne pubblicitarie degli anni ’90, ecco che torna di moda la street art, che riporta colore e arte nelle strade delle città italiane.

Ceres a Torino
Ceres a Torino

Ceres ha deciso, in questo contesto, si supportare Inward, l’osservatorio italiano per la creatività urbana; per quest’ultimo l’azienda birrai ha deciso di prendere, sotto la sua ala protettiva, una serie di importanti firme della street art italiana per realizzare due opere, in due zone molto delicate delle città di Torino e Napoli: nel capoluogo piemontese l’esplosione di colore è avvenuto nel quartiere San Salvario, mentre è stata la periferia napoletana di Ponticelli il teatro del secondo scenario.

Ceres a Torino
Ceres a Torino

A Torino spazio alla creatività di Corn79, che ha ideato un’enorme murata dal colore “Blu Cerebrale”, come recita anche il titolo dell’opera: in sostanza si tratta di un muro nel centro di San Salvario di colore blu con le caratteristiche circonferenze che contraddistinguono l’opera dell’artista torinese.

Ceres a Napoli
Ceres a Napoli

A Napoli, invece, nel Parco Merola di Ponticelli il muro dei siciliani Rosk e Loste ha dato vita ad una scena molto realistica: due scugnizzi che si contendono un pallone. Una storia raccontata, con tutti i lati oscuri e le bellezze del caso. La vita della strada, quella autentica, prende forma.

Il colore, ma anche la vita di tutti i giorni e la strada: è questo il dna di Ceres.