Brumbrum

I primi mesi dell’anno sono passati ed è tempo di bilanci, anche nel mondo dell’auto. La classifica delle vetture più vendute nel nostro Paese parla chiaro e Fiat Panda, nonostante i 40 anni di vita, continua ad essere la vettura più acquistata. brumbrum, il primo rivenditore diretto di auto online d’Italia che opera sul sito www.brumbrum.it, ha stilato la classifica delle auto preferite dagli italiani avvalendosi dei dati raccolti dall’Osservatorio brumbrum. L’Osservatorio di rilevazione e indagini statistiche online in ambito automotive ha preso in considerazione le automobili che da gennaio a giugno 2019 hanno fatto più vendite in rete in tutte le regioni d’Italia.

L’analisi di Brumbrum

Fiat Panda è la regina: è al primo posto tra le auto più vendute online nei primi sei mesi in ben 12 regioni, ma soprattutto è sempre nella top five in tutte le altre, segno che gli italiani sono inna-morati della Panda da ormai 40 anni. Le utilitarie dominano: in tutte le regioni vendono più del 30% del totale, sfondando quota 50% in Abruzzo. Bene le berline, terza forza sono le familiari, seguite da SUV e crossover.

Trionfa FCA

Panda primeggia, ma tutto il marchio FCA trionfa con diversi modelli in classifica. Fiat 500 vince in Veneto e soprattutto in Lombardia, con quasi il 30% di auto vendute ed è sul podio in altre 13 re-gioni. Ottimi risultati anche per Punto, 500L e Lancia Ypsilon, mentre la Giulietta tiene alto l’onore di Alfa Romeo conquistando il podio in Molise. Le uniche auto a rompere il monopolio del marchio torinese sono Volkswagen Golf e smart fortwo. La Golf vince la palma di più venduta in Trentino-Alto Adige e in Friuli-Venezia Giulia, mentre la smart trionfa nel Lazio e in Sardegna. Degne di nota anche le buone performance di BMW serie 1 in Basilicata e della Serie 3 touring in Trentino.

Diesel in grande calo al nord

Per ultimo parliamo di alimentazioni. Al sud il diesel è ancora leader indiscusso: in Puglia, Basilicata e Calabria il gasolio ha ancora il 75% del mercato. Molto bene anche in Molise, Sicilia e Sardegna. Al nord invece è in grande calo, mal supportato dalle autorità locali. In Lombardia e in Piemonte il benzina tocca quota 30%, come anche in Toscana e Trentino. Il top però è in Liguria con quasi il 39%. Tasto dolente l’ibrido: nonostante per tutti sia il futuro, i dati di vendita non lo premiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *