Brumbrum

Il mondo dell’auto sta lentamente ripartendo dopo l’emergenza legata al Coronavirus. In particolare, brumbrum, il primo rivenditore diretto di auto online d’Italia, per rispondere ai bisogni di sicurezza e di mobilità emersi in queste settimane ha deciso di mettere a disposizione un nuovo servizio. Si trata della consegna a domicilio in sicurezza.

Brumbrum e il Coronavirus

La consegna a domicilio va ad affiancare la sanificazione professionale dell’auto, punto di forza già da tempo del processo di riqualificazione delle auto usate. Da sempre le auto usate vendute da brumbrum sono sottoposte a un processo di pulizia e igienizzazione accurato e professionale prima di essere fotografate ed esposte nella vetrina virtuale. Il procedimento di pulizia, che prevedere anche l’uso del vapore oltre al lavaggio a secco, è in grado di eliminare sporco e odori e di garantire un’igienizzazione completa dei veicoli. Oltre a questo, in seguito all’emergenza COVID, brumbrum si è dotata di un dispositivo certificato CE in grado di nebulizzare disinfettante a base alcolica all’interno di tutte le vetture in vendita, incrementando ulteriormente il livello di igiene.

Consegna a domicilio

Da oggi, il compratore potrà usufruire della consegna a domicilio del mezzo con procedura anti-coronavirus. Sarà contattato dal Servizio Clienti che fisserà l’appuntamento per la consegna che avverrà presso l’indirizzo comunicato. Successivamente brumbrum contatterà il driver per il trasporto, il quale sarà sempre dotato di: mascherine; guanti in lattice; disinfettante per la pulizia del veicolo pre-consegna. Il driver arriverà con largo anticipo presso l’indirizzo concordato e provvederà alla disinfezione delle parti tangibili dell’auto, quali: volante, pannello porta, leva del cambio, plancia e sedile.

Dichiarazioni

Francesco Banfi, CEO di brumbrum, ha così commentato. “È un momento che richiede capacità di adattamento e di rivalutazione delle proprie risorse. La salute va ancora messa al primo posto e per farlo bisogna adeguare le regole del mercato a quelle sanitarie. Questo però non deve essere visto come un limite per questo settore, ma come un’occasione: non solo per il maggior interesse rivolto al mezzo di trasporto privato, ma anche e soprattutto per il mercato automotive che adotterà regole e strategie di un commercio più innovativo e tecnologico, più moderno e qualitativamente migliore. È quindi un’opportunità per migliorare un settore che sicuramente ha le potenzialità per crescere e superare questa crisi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *