Beauty Will Save the World

#BWSTW è l’acronimo di Beauty Will Save The World. Il progetto nasce nel 2014 da un’idea di Valentina Coccia: una serie di workshop dedicati alla Consapevolezza Estetica per riappropriarsi della bellezza come esperienza di crescita. #BWSTW nasce dall’idea che la Bellezza sia una forza promotrice di progresso, sia individuale che collettivo, e che proprio attraverso la bellezza sia possibile crescere nell’autodeterminazione, nell’educazione al rispetto di sé stessi e del prossimo, nel miglioramento dell’ambiente e della comunità in cui si vive.

Beauty Will Save the World, punti

Valentina ha tradotto questa idea nei workshop di Consapevolezza Estetica attraverso i quali le donne hanno potuto lavorare su diversi aspetti: attenzione ai propri punti di forza e non ai difetti; approccio formativo e non correttivo, imparare le tecniche del mestiere non per svolgere la professione ma per rendersi indipendenti; essere belle è molto più semplice che essere perfette, un vero motto del corso; esperienza empatica e non competitiva tra donne.

Dichiarazioni

“Dopo anni di lavoro all’interno di una multinazionale, mi sono dedicata allo studio delle tecniche di valorizzazione dell’immagine. Avevo bisogno di spostare l’attenzione dalla performance alla persona. Durante gli studi per diventare personal shopper ho scoperto ambiente poco flessibile e autentico con i linguaggi molto giudicanti e correttivi – spiega Valentina – Io ero in un momento della mia vita molto impegnativo. Avevo da poco avuto il secondo figlio, mi ero ritrovata senza più la certezza di un lavoro, disorientata e affaticata nel corpo e nello spirito. Da qui è nata la mia
missione: avrei iniziato a lavorare solo per ricostituire, mattone dopo mattone, un significato nuovo di Bellezza, affinchè le donne non si sentissero più giudicate e inadeguate. Non avevo alcuna intenzione di rivolgermi alle donne per discutere del colore moda dell’anno, le donne hanno la necessità di essere rivelate più che vestite. Così è nato Beauty Will Save The World”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *