Banca Mediolanum presenta Prexta

Presentazione ufficiale, nella prestigiosa cornice di Palazzo Parigi a Milano, di Prexta, nuova realtà del Gruppo Banca Mediolanum. L’azienda prende vita da EuroCQS, società monoprodotto specializzata nell’erogazione della cessione del quinto, che già faceva parte del gruppo da oltre tre anni.

Banca Mediolanum, nasce Prexta

Con la nascita di Prexta Banca Mediolanum punta a potenziare la propria presenza e il proprio ruolo sul mercato del consumer finance, un segmento in continua crescita e che offre ampi margini. C’è ovviamente soddisfazione nelle parole di Gianluca Bosisio, Direttore Generale di Banca Mediolanum: «Entriamo in un settore dove vogliamo mantenere il nostro DNA. Ci sono tutte le condizioni per fare molto bene. L’azienda sta crescendo molto bene, nonostante il periodo. Abbiamo raggiunto i 100 miliardi di masse in gestione amministrata nei giorni scorsi e sta crescendo a 360 gradi, non siamo solo una società legata al risparmio, ma abbiamo sempre fatto della vicinanza del cliente un concetto di consulenza totale. Oggi star vicino alle famiglia significa proteggerla, non solo starle vicino a livello finanziario».

L’azienda prende vita

A guidare Prexta, in qualità di amministratore delegato, Salvatore Ronzino: « Lo sviluppo prevede il potenziamento aziendale in tutte le dimensioni strategiche, a cominciare dalla distribuzione. Inoltre punteremo sul rafforzamento del capitale umano, con l’ingresso di risorse con abilità specifiche, e una tecnologia altamente performante. Il nostro percorso è stato di successo. Quando abbiamo acquisito EuroCQS i nostri volumi di finanziamento sono passati da 50 a 500 milioni. E abbiamo ampliato anche la rete distributiva: la società operava con una trentina di addetti, oggi sono 400. Il mercato? Già nei primi cinque mesi di quest’anno c’è una forte ripresa, intorno al 30%. E noi riteniamo che potrà crescere ancora di più in misura significativa».

Di Luca Talotta

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *