Anglat
Anglat

L’ANGLAT, Associazione Nazionale di categoria, fondata allo scopo di garantire la tutela del diritto alla mobilità delle persone con disabilità, in merito all’inserimento nel Decreto Crescita di un emendamento (del deputato Leonardo Donno) che prevede un bonus del 18% per le persone con ridotte capacità motorie (ai sensi della L. 97/86 e s.m.i.) che decidono di acquistare un veicolo elettrico. “Un primo passo importante – commenta il Presidente dell’ANGLAT, Roberto Romeo – per favorire la mobilità delle persone con disabilità. Una proposta che in parte premia l’impegno della nostra Associazione che da tempo ha avanzato proposte migliorative in materia, di grande utilità per i milioni di persone con disabilità (tra titolari di Contrassegno Europeo di Parcheggio e patentati speciali), interessati all’acquisto di vetture elettriche, nel rispetto dell’ambiente, dei divieti che in molti centri storici le amministrazioni comunali hanno già avviato di transito alle vetture con motori tradizionali (benzina e diesel).”

Dichiarazioni

“Tuttavia – continua ancora Romeo –, questa misura non va a colmare il vuoto presente nella vigente normativa fiscale. Per questo auspichiamo, vista l’attenzione posta nella materia, che nella prossima Legge di Bilancio si intervenga concretamente, riprendendo e perfezionando la proposta di Legge n. 1207 presentata dal deputato Donno a settembre 2018 (che prevedeva l’inserimento di autoveicoli elettrici ed ibridi tra i veicoli assoggettabili ad agevolazioni fiscali – iva 4%-), prevedendo oltre all’acquisto, il leasing ed il noleggio a lungo termine di veicoli con potenza uguale o inferiore ai 185 kw. Nonché l’aumento da 18.075,99 a 36,151,98 euro del limite massimo per la detrazione Irpef del 19% sul costo del veicolo.”

Anglat e il diritto alla mobilità

“Il diritto alla mobilità e la tutela dell’ambiente possono essere un binomio vincente. Pertanto, facciamo appello al senso di responsabilità di ognuno. Siamo convinti che solo uniti possiamo cambiare in meglio il nostro Paese, continuando a dare ai cittadini più vulnerabili risultati tangibili, nel rispetto dei loro diritti ed in funzione dei loro bisogni di autonomia e libertà di movimento. Ciò sta già avvenendo, grazie al dialogo e confronto aperto con il Sottosegretario alla Famiglia e alle Disabilità, Vincenzo Zoccano. Condividendo pienamente i nostri obiettivi, è per noi un punto di riferimento autorevole, per competenza e spessore. Con lui possiamo migliorare la qualità di vita, partendo anche dai temi legati alla mobilità”.