Vacanze
Vacanze

Passate le festività natalizie e i rincari negli hotel per la notte di San Silvestro, gennaio offre tante opportunità di viaggio a prezzi scontati. Si spazia dalle grandi metropoli europee alle piccole località sconosciute del nostro Paese, tutte con i listini hotel in calo come segnala l’analisi del thpi fatta dall’Osservatorio trivago. Occasioni da non perdere anche soltanto per un weekend che ci faccia sentire ancora l’atmosfera delle vacanze.

Dalle cime alpine alle spiagge siciliane c’è soltanto l’imbarazzo della scelta nel primo mese del 2015. Si torna alla normalità dopo le lunghe feste natalizie e i listini hotel scendono vertiginosamente anche del 65% come nel caso di Tarvisio dove, in questo mese, si può soggiornare a una media di 82€ in camera doppia rispetto i 235€ di dicembre. Anche il mare d’inverno offre delle ottime possibilità per un weekend di relax, a Messina ad esempio il prezzo scende del 29% e si soggiorna a una media di 92€ a notte. Tra le città d’arte sono in calo Roma, Bologna, Venezia, Napoli e Torino. Reggono invece i prezzi e, anzi, aumentano ancora rispetto a dicembre, nelle città di Firenze e Milano.

Anche gli altri paesi europei si adeguano al periodo di saldi, applicando “sconti” sui listini hotel fino al 26%. Per gli instancabili viaggiatori o per quelli che hanno aspettato pazienti questo periodo per farsi una piccola gita, il thpi di trivago mette in luce il calo dei prezzi che si registra a Dresda, Praga, Mosca, Londra, Vienna ed Edimburgo.

Buone notizie anche per i più freddolosi e amanti del sud Europa, gli hotel di Siviglia infatti slittano da 81€ a 71€ a notte, Porto passa da 64€ a 57€ sempre in camera doppia e Barcellona segna il -8% (da 100€ a 92€).

SHARE
Previous articleDove vedere la Coppa d’Africa 2015
Next articleSan Valentino: ecco l’albero dei baci

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi…