America Centrale
America Centrale

In attesa di poter tornare a viaggiare, è sempre bene tenere presente come l’America Centrale nasconda meravigliosi e spettacolari tesori naturali e culturali insoliti assolutamente da non perdere.

I tesori dell’America Centrale

L’ente del turismo dell’America Centrale in particolare ha raccolto otto bellezze da studiare e apprezzare per ora virtualmente.

I templi di Caracol – Belize

Un viaggio in Belize non può non prevedere una tappa alle rovine Maya. È il caso di Caracol, in Belize, il più grande sito Maya del paese. Immerso nella Chiquibil Forest Reserve, proprio qui si trova il tempio Maya più grande del paese, con i suoi 43 metri di altezza. Anche il sito di Xunantunich, nel distretto di Benque Viejo, è una tappa obbligata. Qui è possibile ammirare la seconda struttura Maya più grande del paese, un tempio arroccato in una grotta, ma anche i templi più piccoli di Altun Ha e Lamanai.

Le meraviglie naturali di Bajos del Toro – Costa Rica

Tra vulcani spenti, un paesaggio verdeggiante, incredibili cascate mozzafiato e sentieri immersi nella natura, Bajos del Toro, in Costa Rica, è certamente uno dei luoghi più suggestivi del Costa Rica. Proprio qui giace possente il Vulcano Poas. Ad oggi ancora attivo, ha uno dei crateri più grandi del mondo. A Bajos del Toro gli appassionati di bird watching potranno osservare le numerosissime specie che vivono nel Parco Nazionale di Juan Castro e nella Riserva Biologica di Bosque de Paz. Lasciano ogni osservatore senza fiato l’incredibile Cascata del Toro, la più grande del Paese, e la Cascata del Tesoro Escondido, scoperta di recente.

Montaña Redonda – Repubblica Dominicana

Scoperta di recente, la Montaña Redonda, in Repubblica Dominicana, è il luogo perfetto per lasciarsi incantare da una spettacolare vista sulle montagne e sul mare. Situata a Miches, con la sua altezza di 300 metri, la Montaña Redonda regala una vista unica a 360 gradi su un bellissimo paesaggio naturale. Da qui, si vedono nitidamente alcuni tra i luoghi più iconici del paese. Proprio in cima, si può provare l’esperienza unica e adrenalinica di avere tutta la Repubblica Dominicana sotto i propri piedi. Si sale su un’altalena sospesa nel vuoto che vi farà volare sull’incredibile paesaggio mozzafiato.

Il Parco Nazionale di El Imposible – El Salvador

Con un’altitudine che va dai 300 ai 1.450 metri, il Parco Nazionale di El Imposible, a El Salvador, è una bellezza naturale davvero unica al mondo. Nei suoi oltre 5.000 ettari, il parco ospita 500 specie di farfalle, 279 specie di uccelli, 100 specie di mammiferi e quasi 400 specie di alberi. Due delle quali rappresentano nuove e recenti scoperte. Crescono esclusivamente in quest’area naturale. Con la sua foresta tipica del primo Mesomeria il parco, dichiarato Parco Nazionale nel 1989, prende il nome di “El Imposible” per la pericolosa gola che ospita. Oggi è possibile attraversarla grazie ad un ponte e ospita la più grande biodiversità di El Salvador.

Laguna Lachuá – Guatemala

Nota in tutto il mondo per i suoi laghi turchesi incontaminati, immersa nella folta foresta pluviale, Laguna Lachuá, in Guatemala, si trova proprio nel cuore del Parco Nazionale di Cobán. Questo gioiello guatemalteco è stato solo recentemente scoperto a livello turistico. E’ ora destinazione di grande interesse sia per i viaggiatori che per gli abitanti locali. Il lago, con la sua forma quasi circolare, è profondo 200 metri. Si contraddistingue non solo per il suo mix di colori, ma anche per l’odore leggermente solforoso. Nelle sue acque, infatti, è presente una percentuale di calcite che contribuisce a creare sfumature di verdi e azzurri che si fondono insieme in un continuum incredibilmente suggestivo.

Il Lago Yojoa – Honduras

Il lago Yojoa, in Honduras, è la più grande riserva d’acqua dolce del paese e negli ultimi anni sta diventando una destinazione estremamente popolare per tutti i viaggiatori. Immerso nel verde della foresta, il lago Yojoa è un punto d’interesse strategico anche per gli amanti degli uccelli. si stima che ogni anno, in un’area di meno di 1.000 km2, qui siano presenti circa 500 specie diverse di uccelli. Attorno al lago, si fondono tre tipi diverse di foreste e zone umide. L’intera area si è rivelata col tempo il luogo ideale per l’ecoturismo, le gite in barca, gli sport acquatici come jet ski, regate e kayak ma anche per la pesca.

Santa Catalina – Panama

Oltre ai luoghi più conosciuti e visitati come Volcan, Bahía Pinas e Isla Coco Blanco, dove si possono trovare piccole comunità locali, rifugi nel mezzo della foresta e spiagge isolate e quasi deserte, Panama riserva moltissimi luoghi inaspettati tutti da scoprire. Una delle spiagge meno frequentate da visitare assolutamente è Santa Catalina. E’ un piccolo villaggio e isolotto di pescatori dove fare le migliori immersioni e surfate di tutto il paese. Situato sull’Oceano Pacifico, nella provincia di Veraguas, Santa Catalina è infatti il posto migliore per fare surf. Oltre ad essere anche il punto di partenza perfetto per le escursioni al Coiba National Park. E’ un parco nazionale ideale per le immersioni, le escursioni e l’osservazione della fauna selvatica. Dal parco, che ospita bellissime spiagge dove rilassarsi, i più coraggiosi possono provare a raggiungere a nuoto l’isola di Santa Catalina, che dista 1,5 km.

Islas de Maíz – Nicaragua

Con le loro splendide acque turchesi, le palme e la sabbia finissima, le Islas de Maíz (le Isole del Mais), in Nicaragua, sono un vero e proprio paradiso dell’America Centrale per chi cerca un luogo in cui trovare tranquillità e disconnettersi durante la propria vacanza. Situate a circa 50 miglia al largo della costa orientale del Nicaragua, le Isole del Mais sono due, Big Corn e Little Corn, entrambe perfette per una fuga nel cuore della natura. La maggior parte dei visitatori che arrivano nelle isole tende a soggiornare a Little Corn Island. Non ci sono strade asfaltate né veicoli a motore e regnano natura e tranquillità