Alto Adige
.Alto Adige

L’Alto Adige è pronto a riaccogliere i turisti. I suoi sentieri e percorsi per lunghe passeggiate e lente pedalate, poco battuti dal turismo, non saranno un problema a livelli di distanziamento sociale.

Camminare in Alto Adige

Il primo sentiero è quello delle Cascate di Stanghe. Tra i più belli delle Alpi, il percorso si trova in una gola di marmo bianco puro e si estende dal paese di Stanghe, all’inizio della Val Racines, fino a Ponte Giovo. Un vero monumento naturale sono anche le Cascate di Fleres da ammirare percorrendo l’escursione che, da Fleres di Dentro arriva fino alla Malga Furtalm. È possibile percorrere il sentiero in poco più di 2 ore e, contemporaneamente, godere delle tre cascate di Fleres. Da non perdere il punto di osservazione della cascata Höllenfall, la più affascinante di tutte.

Sentieri

C’è poi il sentiero circolare 360° dell’Alta Val Venosta, una delle escursioni ideali per visitare undici paesi meno conosciuti e battuti del territorio altoatesino. In nove tappe, costellate da installazioni naturali interattive realizzate in legno di larice locale, si possono esplorare piccole realtà come la comunità di San Valentino alla Muta e Slingia, Mazia, frazione di Malles, e l’incantevole borgo di Glorenza. Divisa in tappe è anche la Camminata in Valle Anterselva che, nel corso di una settimana, attraversa le montagne incontaminate del Tirolo Orientale (Austria) e dell’Alto Adige. Lontani dal clamore cittadino e dal turismo di massa, il sentiero nella sua parte altoatesina parte dal Passo Stalle per arrivare a Rasun di Sotto in Valle Anterselva. Sei tappe giornaliere per un totale di 90 km per ammirare il paesaggio delle alte cime e la bellezza di paesaggi incontaminati.

Parchi naturali

In Alto Adige, affascinanti sono anche i percorsi che attraversano gli 8 parchi naturali. dal Parco Naturale Scillar-Catinaccio che offre sentieri tematici fino al Parco Naturale Puez-Odle, un vero libro aperto sulle Dolomiti. Dal Parco Naturale Gruppo di Tessa, dove si può scegliere di percorrere il sentiero alla scoperta delle malghe in Val Senales al Parco Naturale Fanes-Senes-Braies, dal paesaggio morfologicamente variegato e ricco di fauna. Anche il Parco Naturale Monte Corno può vantare una ricchezza di fauna e flora davvero straordinaria e, come anche il Parco naturale Vedrette di Ries-Aurina e il Parco Nazionale dello Stelvio, può dirsi davvero un luogo d’incanto. Celebre per le sue vette e non solo, anche il Parco delle Tre Cime spicca per la sua selvaggia vegetazione e le sue specie di animali. Vengono tutelati e salvaguardati costantemente.

Pedalare

L’Alto Adige si lascia scoprire attraverso alcune delle valli e delle zone meno note. Per cominciare, si può optare per due delle meravigliose tappe della Pista Ciclabile Val Pusteria. Da San Candido passa per Brunico per arrivare fino in Valle Isarco. Lunga circa 110 km, si caratterizza per le sue vedute paesaggistiche e per le sue tappe, molte delle quali utili per approfondire le usanze. La prima tappa San Candido-Brunico si contraddistingue per lo più per il verde dei prati e per i paesaggi incontaminati. Raggiunto la capitale economica della Val Pusteria, inizia la seconda tappa Brunico-Fortezza. Un viaggio attraverso la cultura e le tradizioni dell’Alto Adige. Meno lunga è la Pista Ciclabile della Val Passiria che, con i suoi circa 20 km, attraversa parte della valle per collegare Merano con San Leonardo in Passiria. Un percorso adatto anche alle famiglie.