Comprensorio sciistico Carezza
Comprensorio sciistico Carezza

L’inverno in Alto Adige è molto più una semplice stagione. In Alto Adige l’inverno è La Stagione, uno stato d’animo, un modo di essere e di vivere. L’Alto Adige sono anche le vette dolomitiche illuminate dalle stelle, le ciaspolate al chiaro di luna, le discese in slittino tra i boschi innevati. Ma, soprattutto è un territorio pronto ad offrire a grandi e piccini una vacanza indimenticabile. Nel rispetto delle norme di sicurezza, l’Alto Adige è pronto a inaugurare la nuova stagione invernale con alcune novità.

Val Senales e l’inno alla natura

Vista e panorama mozzafiato, a più di 3.000 metri di altitudine. E, con la nuova piattaforma panoramica Iceman Ötzi Peak si torna alle origini, a contatto con l’autenticità della natura altoatesina. Realizzata dallo studio di architettura NOA, la piattaforma circolare si apre su uno scenario unico. Ruotando, infatti, lo sguardo si può ammirare l’ampia distesa di neve del Similaun (3.606 metri), dove nel 1991, fu rinvenuta proprio la mummia di Ötzi. Inno alla natura è anche l’installazione realizzata da Olafur Eliasson, celebre artista islandese. La sua opera, che sarà inaugurata il 9 ottobre è un monito per ricordare quanto sia prezioso il pianeta. Il messaggio dell’opera? Ricordare quanto siano veloci e fatali i cambiamenti climatici.

Comprensorio sciistico Carezza e la magia dei tunnel

Il comprensorio sciistico Carezza punta ad esaltare la bellezza del territorio attraverso la nuova cabinovia di Re Laurino. Un progetto firmato dal celebre architetto altoatesino Werner Tscholl che ha puntato tutto sulla mobilità sostenibile. Questo nuovo impianto, che ospita 10 posti a cabinovia, collega l’albergo malga Frommeralm e il rifugio Fronza alle Coronelle e sostituisce le due seggiovie Laurin II e Laurin III. L’idea di Tscholl è anche quella di richiamare la leggenda di Re Laurino che pare vivesse nei tunnel sotterranei in quanto re degli gnomi. Allo stesso modo sciatori ed escursionisti passeranno attraverso quei tunnel in cui alcune installazioni luminose ricreano un ambiente magico.

Comprensorio sciistico Plan de Corones, cabinovie con copertura a forma di onda

Anche le nuove stazioni della cabinovia Olang del comprensorio sciistico Plan de Corones puntano ad esaltare la natura. Questa la via seguita dallo studio tedesco di architettura che ha progettato le nuove stazioni della cabinovia. Coperture trasparenti a forma di onda inglobano gli elementi esterni diventando un tutt’uno con il paesaggio circostante. Con i suoi 10 posti a cabinovia, il nuovo impianto sostituisce il precedente.

Comprensorio sciistico Tre Cime

Con vista sulla Meridiana di Sesto si presenta anche la nuova cabinovia Helmjet di Sesto, che parte da Sesto per arrivare sul Monte Elmo. Opera ingegneristica da 10 posti a cabinovia è la novità del comprensorio sciistico 3 Cime. Che punta a condurre ospiti e turisti in soli 6 minuti sulla cima del Monte Elmo. Il nuovo impianto è costituito da 58 Cabine Luxury Symphony, tutte dotate di sedili imbottiti in loden per un viaggio di assoluto comfort.

Parola d’ordine: sicurezza

Le parole d’ordine della stagione invernale 2020/21 sono sicurezza e salute degli ospiti. Per questo motivo l’Alto Adige ha già predisposto e attuato alcune prime misure straordinarie. Ma sta a tutt’oggi studiando la situazione in costante evoluzione, monitorandola quotidianamente. Le aree di accesso ai grandi e piccoli comprensori del territorio sono state già riorganizzate e ripensate per garantire il distanziamento sociale. Ogni giorno sono previste sanificazioni degli ambienti e delle attrezzature utilizzate. Le seggiovie e sciovie consentono il trasporto all’aria aperta. Mentre gli impianti coperti saranno in funzione con la capienza regolamentata dalle norme vigenti. Baite, rifugi sulle piste e ristoranti con ampie terrazze ospitano i clienti in spazi all’aria aperta per garantire il distanziamento in totale sicurezza. Tutto il personale di servizio dispone di mascherina e gli ospiti sono tenuti ad indossarla sempre ad eccezione di quando si trovano al tavolo.