Alfa Romeo compie 110 anni e lancia la sua personale sfida al Covid. Alfa ha, infatti, messo in mostra nel museo storico di Arese aperto, in questo periodo solo il sabato e la domenica, la nuova sezione dedicata alle auto prodotte per l’Arma dei Carabinieri e una collezione temporanea di 150 pezzi unici tra automobili, motori da strada, aeronautici e nautici, trofei e oggetti artistici.

Il nuovo spazio ha pareti rosse e blu

Il nuovo spazio che va a sommarsi alle 18 aree tematiche permanenti. La nuova sezione è stata dipinta con colori ad hoc: ha pareti rosse, simbolo dell’Alfa, e blu, tinta delle luci di emergenza delle sirene delle Forze dell’Ordine.

Per ogni auto una storia a sé

Le macchine sono tante e ognuna ha una storia particolare. Si va dalla 1900 M ‘Matta’ che con l’Arma ha vinto una Mille Miglia, alla leggendaria Giulia. Non manca la più iconica delle «Gazzella», fino all’Alfetta, per quest’ultima è stato deciso di esporre un esemplare blindato. Senza dimenticare una rara Giulia Giardinetta. In tutto sono sei le auto, tutte ad attirare gli sguardi dei visitatori, così come le moderne autovetture da Motorsport o il primo bolide ad aver vinto un campionato di Formula 1.

Alfa Romeo: per i 110 anni riaperti i depositi

Per l’occasione sono stati riaperti anche i depositi del museo. E, oltre alle 70 vetture normalmente esposte, l’area collezione ne raccoglie altre 160. Più una serie di motori, modelli, attrezzature, oggetti che raccontano gli aspetti noti e meno noti di questi 110 anni.