AEC Illuminazione

Nella valle della Toscana sorge AEC Illuminazione, un’azienda con oltre 60 anni di esperienza nell’illuminazione pubblica e in quella di interni industriali. All’Headquarters concentra ogni fase produttiva e fornisce prodotti 100% italiani perché crede fortemente nel valore del Made In Italy.

AEC Illuminazione: la storia

Cino Cini, padre fondatore, inaugurò il primo stabilimento a Subbiano (provincia di Arezzo) nel 1957. All’epoca pochissime realtà producevano candelabri in ghisa. AEC Illuminazione si contraddistinse come una delle prime a curare l’illuminazione decorativa dei centri storici italiani. Col passare del tempo, mise a segno una portentosa espansione internazionale: dalla Norvegia agli Emirati Arabi, dagli USA alla Nuova Zelanda, dal Singapore al Canada, supporta clienti e municipalità di ben 45 Paesi nel mondo. Costantemente attenta alle tematiche ambientali, assicura una produzione e uno stabilimento industriale totalmente eco-sostenibile. Per ridurre le emissioni di gas serra, utilizza energia rinnovabile grazie a pannelli fotovoltaici. QNet e i suoi partner hanno premiato il sistema di gestione della qualità, pienamente in regola ai requisiti della norma ISO 9001: 2015. Questa certificazione riconosce gli elevati standard qualitativi dei processi di progettazione e produzione. Nel 2019, nascerà un nuovo polo tecnologico, che ospiterà laboratori prove, fotometrici e reparti di Ricerca & Sviluppo.

AEC Illuminazione: case histories

Tra le case histories più importanti, spiccano alcune eccellenze:

Maranello – Ferrari

Il Comune di Maranello ha scelto Italo per illuminare le aree che circondano il quartier generale della compagnia automobilistica più influente in assoluto: la Ferrari. In questo edificio, alta tecnologia, ricerca, sofisticate lavorazioni artigianali e sostenibilità si integrano in modo sinergico, realizzando opere d’arte riconosciute e apprezzate a livello globale. Il Cavallino Rampante conferma di essere fedele al proprio impegno sulla riduzione dell’impatto ambientale di ciascun suo processo produttivo. Cosi come il Comune dove risiede, che ha difatti introdotto nuovi prodotti a LED. Per questo obiettivo, Italo 1 è risultato il prodotto perfetto.

Berlino (Germania)

La Germania, particolarmente sensibile negli ultimi anni all’eco-sistema, ha scelto di abbattere sensibilmente il consumo energetico derivante dalla pubblica illuminazione, sostituendo le vecchie lampade tradizionali con moderni apparecchi a LED. AEC Illuminazione ha offerto all’amministrazione tedesca la serie Italo e I-Tron. I nuovi corpi illuminanti stradali, sviluppati e prodotti internamente, hanno permesso di ridurre anche l’inquinamento luminoso, grazie alla concentrazione del fascio luminoso solo verso il basso. Inoltre, la maggiore durata dei corpi illuminanti stradali e urbani a LED taglia nettamente i costi di manutenzione e la quantità di lampade da smaltire ogni anno. Attraverso gli apparecchi messi a disposizione, Berlino garantisce ora un miglior comfort visivo degli automobilisti e la sicurezza nel centro, sempre molto trafficato.

Yas Marina Circuit (U.A.E.)

Italo illumina pure Yas Marina, circuito di Formula 1, e l’intera isola Yas Island, che si snoda tra parchi a tema, hotel extralusso e aree residenziali. Dopo l’illuminazione del Ferrari World di Abu Dhabi, un’altra nomina prestigiosa. L’apparecchio, premiato per via delle prestazioni efficienti, propone molteplici vantaggi.

Auckland (Nuova Zelanda)

Auckland Transport amministra tutti i servizi di trasporto della regione: dalle strade, ai parcheggi, ai percorsi pedonali, alle piste ciclabili fino alla gestione dei trasporti pubblici. Sull’esempio di alcune tra le maggiori città del mondo, ha avviato un importante processo di efficientamento energetico mediante sorgenti LED in tutta la zona urbana. Italo ha consentito di sfruttare l’efficienza della sorgente con un risparmio fino al 50% e un minor costo di manutenzione dell’impianto. La Auckland Transport aveva riconosciuto i benefici della tecnologia LED già nel 2003. Tra quelli più rilevanti goduti con AEC Illuminazione, una superiore resa cromatica delle superfici interessate, una nuova luce in grado di mettere in risalto le bellezze del centro e la riduzione dei tempi di reazione dei conducenti di fronte a un pericolo, come evidenziato da moltissime ricerche sull’utilizzo dell’illuminazione stradale a LED.

Va sottolineato che nel processo produttivo dell’azienda sono presenti i Nastri 3M VHB™ e gli Adesivi Strutturali 3M™ Scotch-Weld™. L’uso di questi prodotti ha dato ottimi risultati in termini di design e produttività. Il nastro VHB™ 3M™ ha la forza dei rivetti e la semplicità dei nastri e sostituisce al meglio i sistemi di fissaggio tradizionali in applicazioni complesse. Invece gli adesivi acrilici bicomponenti di ultima generazione sviluppati da 3M si caratterizzano per l’ampio range di tempi aperti, la rapidità di polimerizzazione, la formulazione quasi inodore e l’estrema resistenza al calore. Il tandem formato da AEC e 3M genera così prodotti di qualità che poggiano le basi su tre parole chiave: Efficienza, produttività e alte performance.