Da sabato 1 agosto al 27 settembre, il Castello di Santa Severa la mostra “Non vogliamo altri eroi” di Domenico Pellegrino organizzata dalla Fondazione Maimeri. Il Castello, spazio della Regione Lazio, gestito da LAZIOcrea e il Comune di Santa Marinella, diventa uno scenario suggestivo che si integra con le opere esposte. Sculture che diventano guerrieri o salvatori di un presente pieno di pericoli ed insidie. Opere che saranno visibili anche come installazioni all’interno del borgo.

Visione personale della Pop Art, ecco chi è Pellegrino

L’ artista Domenico Pellegrino opera di fatto come un agitatore culturale, rielaborando una visione personale della Pop Art. Dall’osservazione della trasformazione questo contiene la mostra “Non vogliamo altri eroi” di Pellegrino. Che porta la sua opera in spazi pubblici trasformandoli. In particolare, questi anti-supereroi, che sotto la livrea marveliana nascondono una pelle imparentata non solo con la tradizione dello stucco, ma anche della grande ceramica siciliana, sono soprattutto capaci di disegnare nuove relazioni narrative tra pieni e vuoti, luci e ombre, condensazioni e rarefazioni.

Convivenza tra città bombardate e supereroi

Mentre Capitan America lotta contro il suo avversario, sembra misurarsi nel contempo con Hermes, dio degli atleti e dei viaggiatori, messaggero dell’Olimpo. Ci sono, come nella serie “Ritorneremo”, più strati di messaggi, che corrispondono alla combinazione di diverse tecniche e materiali, tutti legati all’identità, ma che confluendo in un messaggio coerente accennano a una potente riflessione sulla nostra storia: luminarie e soldati, vecchie immagini delle città bombardate e supereroi, convivono in una sorta di sincretismo iconografico assolutamente nuovo. La mostra è inclusa nel prezzo di biglietto di ingresso al castello e visitabile dal martedì alla domenica, in orario di apertura del complesso monumentale.

Pellegrino ha fatto della Sicilia il suo marchio

Domenico Pellegrino, nato a Mazzarino nel 1974. Vive e lavora a Palermo. Artista pop, che ha fatto delle tradizioni popolari il suo marchio. E’ riconosciuto a livello internazionale. L’edizione 2019, della 58esima della Biennale d’arte di Venezia, lo ha, infatti, ospitato la sua Sicilia di luce. La Disney lo ha scelto per firmare l’installazione luminosa per l’anteprima mondiale dell’ultimo movie della saga di Starwars. Fu esposta nel dicembre 2019 a piazza Duomo a Milano.