Migliaia di tifosi rossoneri hanno partecipato al progetto #alwaysacmilan lanciato da adidas e AC Milan lo scorso 6 ottobre, raccontando attraverso la fotografia la loro passione nell’indossare la maglia rossonera.
In occasione del 115° anniversario del Club, si è deciso di realizzare una vera a propria mostra della photogallery digital presente sul social wall del sito alwaysacmilan.com, selezionando 115 scatti che verranno esposti a Casa Milan dal 20 dicembre al 19 gennaio.

Partecipare a #alwaysacmilan – nome del progetto e hashtag ufficiale – è stato molto semplice: ai tifosi dei 5 continenti è stato chiesto di indossare la propria maglia rossonera (prima, seconda o terza della stagione in corso o di quelle passate) e di scattarsi una foto da condividere su Facebook, Twitter e Instagram, utilizzando #alwaysacmilan. È stato, in aggiunta possibile segnalare, sempre con hashtag, la location nella quale è stata scattata l’immagine così da ricreare una vera e propria #alwaysacmilan map del mondo rossonero. Le immagini pubblicate sono entrate a far parte di un social wall fotografico senza confini visibile su alwaysacmilan.com.

Dal 15 ottobre è stato inoltre lanciato un concorso fotografico, indetto da adidas, che ha permesso ad Andrea Baini, Andrea Bonanomi e Alberto Maria Barbera di vincere “The Perfect Day”, il giorno rossonero per eccellenza, e di vivere il sogno del derby Milan-Inter, dalla mattina fino a sera, partendo dalla visita di Casa Milan fino ad arrivare a San Siro, dove hanno anche avuto la possibilità di vedere le proprie foto vincitrici proiettate sul maxi schermo dello stadio.

Il sito ha registrato 51.000 utenti unici in 45 giorni di attività e la partecipazione di utenti geolocalizzati in 13 paesi del mondo (Italia, Indonesia, USA, Germania, Svizzera, Francia, India, Spagna, Canada, Inghilterra, Russia, Brasile, Cina, Malesia).

SHARE
Previous articleDisney: l’Europa nuova patria dei Tsum Tsum
Next articleFranciacorta: bere vino a cinque stelle
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Rispondi