Verizon acquista Yahoo per $ 4.83 miliardi di dollari. A comunicarlo le stesse società prima dell’apertura dei mercati di lunedì.

I DETTAGLI

Diverse realtà come Warren Buffett e il Daily Mail erano interessate ad acquistare Yahoo. Dopo un processo di vendita trascinatosi per mesi, Verizon (VZ, Tech30) ha superato la concorrenza. Gli attuali azionisti di Yahoo manterranno gli investimenti in Alibaba e Yahoo Japan. In aggiunta daranno il via a una società quotata in borsa separata, dal nome non ancora reso noto. L’accordo esclude anche alcuni brevetti e di cassa di Yahoo.

AFFARE IN DIRITTURA D’ARRIVO

L’accordo deve essere approvato dalle autorità di regolamentazione e dovrebbe essere finalizzato nel primo trimestre del 2017. La vendita pone fine alla storia di 21 anni di Yahoo come società indipendente. Yahoo sarà ora integrato con Verizon di proprietà di AOL sotto Marni Walden, vice presidente esecutivo presso la società di telecomunicazioni. Conclusa inoltre l’inversione di tendenza da Marissa Mayer, aggregatasi a Yahoo quattro anni fa e che aveva promesso di rilanciare l’azienda. Verizon e Yahoo non hanno comunicato chi guiderà Yahoo una volta chiusa l’operazione.

UNA COMPAGNIA IN COSTANTE ASCESA

Tim Armstrong, CEO di Verizon di proprietà AOL, ha detto che ha “enorme rispetto per ciò che Yahoo ha compiuto” e che l’integrazione delle due ex potenze Internet “creerà un nuovo rivale competitivo potente nei media mobili”. Il prezzo di vendita suggerisce che i suoi giorni di gloria fossero finiti molto tempo fa. Nel 2008, ad esempio, Microsoft era disposto a pagare più di $ 45 miliardi di dollari, offerta respinta dal co-fondatore Jerry Yang. Yahoo è stato sinonimo di Internet intorno alla fine degli anni ’90. Per Verizon l’operazione va oltre al semplice effetto nostalgia. La società di telecomunicazioni ha investito in contenuti digitali e pubblicità negli ultimi anni, vedi gli acquisti di AOL e Huffington Post. Meno entusiasti gli investitori. Scesi di quasi il 2% le azioni il lunedì mattina.