Isole Baleari, foto Pixabay
Isole Baleari, foto Pixabay

Le Isole Baleari sono senza dubbio i Caraibi del nostro Mediterraneo, di conseguenza ogni anno rimangono in vetta alla classifica delle mete più gettonate da turisti di tutta Europa. Quattro isole, quattro anime, ma un solo cuore. Stiamo parlando di Ibiza, Minorca, Maiorca e Formentera.

Ogni isola ha una sua peculiarità e ciò permette ad ognuno di scegliere la sua isola preferita. C’è sicuramente un perchè se sono sempre così in voga! Spiagge da copertina, passeggiate in mezzo alla natura incontaminata, persone eccentriche, nottate in discoteca, mercatini hippy, relax e yoga sono solo alcuni degli esempi di quello che ci possiamo aspettare per le nostre vacanze alle Baleari.

Isole Baleari, l falso mito di Ibiza

Da sfatare il mito dell’Ibiza vista solamente come meta di perdizione per giovani ragazzi in cerca di divertimento sfrenato. Sbagliato! Ibiza ha un fascino tutto suo, l’atmosfera che si respira è il suo vero punto di forza.

La “Isla blanca” possiede due lati, uno senz’altro dedicato al divertimento e all’eccesso con aperitivi esclusivi in spiaggia, discoteche bellissime con animazione trasgressiva, ma soprattutto con i migliori djs del mondo (in particolare durante i mesi estivi) che attirano centinaia di ragazzi provenienti da ogni dove.

L’altro lato della medaglia, invece, non meno importante, è incentrato su i luoghi “segreti” e decisamente meno mondani.

L’esclusività è la parola d’ordine quando si parla del centro Ibiza, con suoi agriturismi dai menù a base di centrifughe detox e meditazione, dove il turismo di massa è solo un ricordo lontano e dove si può trovare pace e relax negli retreats ibizenchi, veri e propri centri benessere super esclusivi in cui farsi coccolare con trattamenti olistici.

Resiste poi la vera anima Ibizenca, quella più antica, l’anima Hippy.

Salendo verso nord si può fare un tuffo nel passato, trovando infatti una vera e propria comunità hippy.

Molto carino il market di Lad Dalias, a Sant’Eularia, che si svolge tutti i sabati, dove potrete passeggiare tra bancarelle colorate, ascoltando buona musica dal vivo. Un tripudio di suoni, colori e profumi.

L’altro market hippy si torva a Es Canar al Club di punta Arabì, dove potrete trovare 400 bancarelle con prodotti artigianali di ogni genere, assistere spettacoli a sorpresa e trovare capi di abbigliamento della moda Adlib.

Imperdibile è senza dubbio il saluto al sole di Cala Benirras, dove, al tramonto, i “figli dei fiori” si ritrovano e omaggiano il sole, suonando tamburi e djambè, finendo poi in un lungo applauso quando il sole viene inghiottito dal mare. Un emozione da provare almeno una volta nella vita. La vera bellezza sta nel fatto di emozionarsi ancora per le piccole cose, come ad esempio un tramonto e questo è il posto perfetto per farlo, condividendo il momento con tante persone, diventando così ancora più suggestivo!

Molto amata dagli Italiani, anche per quanto riguarda il cibo, Ibiza offre diverse opportunità, per tutte le tasche e gusti. Molto particolare il pranzo sotto le foglie di fico, dove potrete gustare grigliate e patatine, ma anche il flaò (un dolce di formaggio e menta fatto in casa).

Ci sono opportunità anche per gli sportivi sull’isla, con i suoi sentieri mozzafiato, percorribili sia a piedi che in bicicletta e appuntamenti di tutto rispetto, come ad esempio gare internazionali di ciclismo e mountain bike, maratone e triathlon.

Da segnare in agenda due appuntamenti: gara di triathlon fissata per il 22 di ottobre (che prevede 4km a nuoto nelle acque limpide e cristalline, 120 km immersi in itinerari verdissimi e 30 km sulle strade dell’isola) e la Ibiza Marathon trail di Sant’Antoni con viste molto belle in oasi verdi.

saluto al sole Cala BenirrasHippy Market IbizaParty IbizaPiscine naturali Ibiza

MINORCA

La vera perla verde delle Baleari, dichiarata dall’UNESCO Riserva della Biosfera è tra le isole quella che più conserva uno spirito selvaggio e autentico: colline verdi, spazi aperti accarezzati dal vento, ma anche dirupi, grotte, archeologia, dune di sabbia chiarissima e isolotti.

Meta ideale per gli amanti della natura e per chi preferisce una vacanza più “wild”.

Troverete piccole baie bianche nascoste tra le pinete, spiagge bellissime e numerosi percorsi escursionistici che ricoprono l’intera isola, dove è possibile praticare running e trekking. Per chi ama passeggiate un po’ più impegnative, imprescindibili sono il Parco naturale di S’Albufera des Grau, il Monte Toro e Es Pinaret.                                                                                      

Non rimarranno delusi neanche gli appassionati di equitazione. Molto romantiche le passeggiate a cavallo al tramonto.

Soprannominata “isola del vento”, grazie al vento di Tramontana che soffia costantemente, è chiaramente la meta perfetta per poter praticare sport a vela e windsurf, ma, in realtà, si può tranquillamente praticare ogni tipo di sport, come per esempio kayak, canoa e immersioni subacquee.

La baia di Fornells, lunga 5 km, con la sua brezza costante, la temperatura piacevole dell’acqua e l’assenza di onde è lo scenario ideale anche per i principianti che vogliono avvicinarsi a questi tipi di sport.

Molti eventi sportivi vengono organizzati ogni anno, per esempio quello dedicato al Surf, ma da non dimenticare ci sono anche il Cami De Cavalls (una pittoresca escursione che attraversa borghi medievali, spiagge, praterie e scenari rocciosi o di terra rossa) e per i ciclisti la BTT Menorca nel mese di ottobre.

Biking MenorcaCaletta Menorcaarcheologia Menorca

MAIORCA

Con un paesaggio vario che alterna spiagge bianche e acque cristalline a parchi naturali con grotte sotterranee, montagne aride e pianure ricche di torrenti, piccoli villaggi di pescatori e grandi città dotate di ogni comfort per i turisti, Maiorca mette d’accordo un’ampia fetta di turisti da tutto il mondo. In particolare inglesi e tedeschi passano volentieri le loro vacanze qui, attirati dal clima. Isole Baleari loro meta preferita.

Come Minorca, possiede paesaggi di grande bellezza, come per esempio la Riserva naturale di Mondragò, con dune, spiagge e depositi marini di tipo corallino, oppure l’area di Llevant e della Serra de Tramuntana, una catena montuosa lunga 90km con percorsi naturalistici tra valli ricche di aranceti, viti e ulivi, tipicamente mediterranei.

Per i più audaci al centro della Serra ci sono gole e canyon, come ad esempio il Torrente de Pareis o il Gorg Blaus-Sa Fosca, dove è possibile praticare l’arrampicata, infatti ogni anno vengono organizzate due importanti competizioni: il K42 e il K21. Nel mese di ottobre si svolge anche la Palma de Maiorca marathon.

Come accennato prima, Maiorca è ricca di Villaggi caratteristici che custodiscono antiche tradizioni, ispirando molti artisti. Per esempio: Lluc, centro spirituale, dove si venera la Patrona dell’isola, o Cap de Formentor, uno dei più visitati, anche per la presenza del faro da cui si può godere una vista mozzafiato del Mediterraneo, rilassandosi con il fragore delle onde che si infrangono lungo la scogliera.

Anche la sera a Maiorca non ci si annoia di certo, con i suoi locali giovani e vivaci, al chiuso o in spiaggia e le sue serate a tema, offrono una bella alternativa per tutti e per tutte le tasche.

Per chi invece ama la tranquillità può passeggiare tra le caratteristiche viuzze di Palma di Maiorca, godersi uno spettacolare panorama e scegliere uno tra i tantissimi capolavori in vetro soffiato fatti a mano dagli artigiani locali.

Palma de Mallorcagrotte Maiorcaspiaggia Maiorca

FORMENTERA

Come Le altre Isole Baleari anche Formentera possiede un fascino tutto suo, si conferma sempre come meta molto ricercata tra calette cristalline, spiagge bianchissime e tranquilli sentieri pianeggianti, oltre ai chiringuitos modaioli e ai ristorantini con menu da fare invidia a Gordon Ramsay.

Il comune ha predisposto 20 itinerari da percorrere, alcuni in bici e altri rigorosamente a piedi, godendo di panorami bellissimi. Il più lungo è il Camì Vell de la Mola.

Lo stile di Formentera è ancora molto vicino a quello tipico degli anni ’70, aspettatevi quindi abbigliamento alternativo e piccoli club. Un locale che merita sicuramente una visita è il Fonda Pepe, un famoso ritrovo Hippy degli anni ’70, situato a San Francesc Xavier de Formentera, un grazioso paesino che merita anch’esso di esser visto.

Anche la tradizione artigianale è ancora fortemente condizionata dagli anni ’70, su questa isola infatti non troverete di certo negozi di lusso, bensì caratteristici negozietti con piccoli capolavori handmade e, anche qui, l’immancabile mercatino hippy che si tiene alla Mola tutti i mercoledì e le domeniche.

Un rito consolidato e che non dovete perdervi per nessun motivo è l’aperitivo al Chiringuito Tiburon davanti alla “puesta del sol”, dove vip e comuni mortali aspettano il tramontar del sole.

Da tener in considerazione poi la Riserva delle saline, soprattutto durante il processo di cristallizzazione del sale, momento in cui le pozze offrono incantevoli giochi di luce di colore roseo, contagiando inevitabilmente le piume dei fenicotteri che in esse si nutrono. All’alba e al tramonto acqua e cielo si fondono, regalando emozioni indimenticabili. Per gli appassionati di foto è decisamente una tappa obbligatoria.

Molto bella anche la visita ai 3 fari dell’isola: il più antico quello di Es Cap de La Mola, che sorge su una scogliera alta 120 metri è il luogo perfetto per ammirare l’alba e il tramonto in un luogo magico. Il secondo è Es Cap de Barbaria e la torre di vigilanza (che un tempo fungeva da vedetta per contrastare gli attacchi degli invasori) e l’ultimo situato nel porto di La Savina, sarà lì a guardarvi quando lascerete l’isola con la nave.

Anche la movida notturna alle Isole Baleari non è troppo trasgressiva. Qui è di moda la tranquillità, quindi chi non ha voglia di andare a letto presto può andare a Es Pujols o a San Ferran, intrattenendosi in uno dei tanti localini aperti.

faro De la Mola FormenteraHippy Market La MolaSpiaggia Formentera

Essendo le Isole Baleari una meta molto ambita il mio consiglio è quello di regalarsi una vacanza fuori stagione, in modo tale da poter godere appieno delle bellezze delle isole in tutta tranquillità, coccolati da un clima da sogno. Maggio, giugno, ottobre e anche novembre sono, a mio avviso, i momenti migliori.