Tera Patrick, foto Pinterest

Tera Patrick, ex attrice di film a luci rosse, sbarca a marzo per la prima volta nella sua strepitosa carriera in Italia per dar vita a un tour che toccherà diverse importanti città italiane fino ad aprile.

Tera Patrick, classe ’76, al secolo Linda Ann Hopkins Shapiro, deve la sua non comune bellezza al suo patrimonio genetico, giacché di padre inglese e di madre thailandese. Nota infatti al grande pubblico per la sua carnagione ambrata e per i suoi stupendi tratti asiatici che la rendono il prototipo del genere asian, tanto ricercato e apprezzato dai cultori della materia. Oltre ad aver recitato in numerosissimi film, tra cui gli immortali di Andrew Blake, Tera Patrick può vantare l’onore di essere stata l’unica modella nel mondo ad aver posato sia per Playboy che per Penthouse.

Negli ultimi anni Tera è approdata all’imprenditoria: ha lanciato il suo sito personale, e promuove su altre piattaforme telematiche una personale linea di oggettistica, dal nome Fleshlight, creata per il piacere maschile e femminile. Non ha appeso il tanga al chiodo, perché di recente ha posato su FHM Magazine Slovenia in compagnia di miss Taiwan Jenifer Gonzalez e per Maxim Mexico. Da poco impegnata anche col cinema tradizionale, recitando una parte nel film “The Moaning of the virgin ghost” che, per chi non ha studiato la lingua di Shakespeare, altro non vuol dire che “Il gemito della vergine fantasma”. Un titolo eloquente che compendia magistralmente la vocazione primaria di questa splendida artista. Ha raccontato i particolari della sua vita avventurosa nel suo memoriale “Sinner Takes All”, un racconto on the road delle sue mirabolanti peripezie, che l’hanno sballottata in giro per il mondo – circa ottanta paesi – tra storie e aneddoti vari.

Brescia, Piacenza, Vicenza, Firenze, Cremona e Alba Adriatica sono solo alcune città che avranno l’onore di ospitare la fama mondiale di Tera Patrick.

SHARE
Previous articleIl ritorno di Jerry Calà
Next articleEcco il manuale d’uso per il Sistema dei Chakra
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here