Per una volta sono i papà ad essere i protagonisti. E se poi il tutto viaggia sul web, il divertimento è ancora maggiore. Si parte in una notte di sabato, protagonisti due padri che, aspettando i propri figli all’uscita della discoteca, all’interno di una Ford Kuga parlano. Si guardano. E poi…

Buzzoole

Questo e molto altro è Saturday Night Fathers, web-series di Ford Italia dedicata ai papà che ha debuttato il 19 marzo in esclusiva sulle pagine di Corriere.it. Una serie di nove episodi, che tra il lato ironico delle sue gag e video molti divertenti sta facendo impazzire il web intero. Ambientata nell’abitacolo di una Ford Kuga e composta da 9 episodi, racconta il mondo dei ragazzi attraverso gli occhi dei padri che li aspettano, nel buio dei sabati notte, all’uscita della discoteca. Tra lunghe attese al freddo, incontri inattesi e personaggi improbabili, ‘Saturday Night Fathers’ celebra con ironia il rapporto tra due generazioni in costante ricerca della reciproca comprensione.

Per vedere tutti gli episodi di Saturday Night Fathers cliccate QUI

Una co-produzione Ford e Bananas (Cdp), con il broadcasting in esclusiva sul sito del Corriere della Sera, concessionaria RCS. L’obiettivo della serie, ovviamente, è quello di elogiare anche la Ford Kuga, vettura di punta del comparto di Ford che, con la sua tecnologia, il suo motore Ecoboost e una gestione di infotainment unica offre un’esperienza unica: si va dal sistema Hands-free liftgate alla sincronizzazione SYNC con Text Reader; e poi il Voice Control, la gestione delle playlist Spotify con la voce tramite AppLink, l’Active Park Assist e molto altro.

SHARE
Previous articleFactory: digitale a supporto della discografia
Next articleLa bottiglia Coca Cola compie 100 anni
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

1 COMMENT

Rispondi