Cipro
Cipro

Oggi vogliamo raccontarvi la storia di Sara, una nostra connazionale che ha deciso di lasciare l’Italia per gestire un agriturismo a Cipro. L’ha intervistata per noi Simone Albore di www.solitinoti.net.

Ciao a tutti! Mi chiamo Sara, sono una biologa italiana che qualche anno fa ha deciso di cambiare vita.. .mi sono trasferita a Cipro dove ho aperto nell’Agosto 2013 un agriturismo, l’Aperanti Agrotourism!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da quanto tempo vivi a Cipro?
Vivo a Cipro da 6 anni, esattamente da Gennaio 2010.

Per quale motivo hai deciso di trasferirti?
Il motivo del trasferimento a Cipro è stato principalmente il desiderio di vivere in campagna. Ho sempre vissuto in città, prima a Milano e poi a Londra, ma ho sempre amato stare all’aria aperta e fare passeggiate a contatto con la natura. A Londra ho conosciuto il mio compagno, Tassos, cipriota ma da molti anni in Inghilterra. Io ero da tempo insoddisfatta del mio lavoro di ricercatrice, avevo bisogno di un cambiamento e di trovare un lavoro che mi desse l’opportunità di vivere in campagna e così insieme a Tassos è nata l’idea di aprire un agriturismo. La scelta di Cipro è determinata non soltanto dal fatto di essere il paese di origine di Tassos, ma essenzialmente perché qui il concetto di agriturismo è solo agli esordi e non ha molto a che vedere con quello che intendiamo noi in Italia. Ci sono sì “agriturismi” a Cipro, ma con questo termine si intendono semplicemente case tradizionali in pietra e legno che sono state ristrutturate per creare diverse tipologie di alloggi, dalle semplici case rurali in affitto a lussuosi centri di benessere. In nessun caso gli “agriturismi” qui sono legati ad attività agricole, come è invece la regola da noi in Italia. La nostra idea di agriturismo è invece fortemente legata al desiderio di riscoprire il valore dei prodotti biologici e tradizionali e Cipro si è rivelato il posto ideale per realizzare il nostro progetto, vista sia la tradizione casearia tramandata nella famiglia di Tassos da diverse generazioni sia la disponibilità di terreni già coltivati con ulivi e alberi da frutto.

E’ stato difficile ambientarsi?
Io penso che per un Italiano non sia affatto difficile ambientarsi a Cipro, visto che la cultura e lo stile di vita sono molto simili a quelli Italiani. Inoltre per chi se la cava con l’Inglese non esiste barriera linguistica perché la maggior parte delle persone a Cipro lo parla perfettamente (essendo Cipro stata una colonia Inglese per quasi 80 anni e essendo le scuole inglesi ancora molto in voga tra i Ciprioti).
Ma il mio è un po’ un discorso a parte, perché mi sono trasferita a Cipro dopo poco più di 5 anni vissuti a Londra e dopo 6 fantastici mesi di viaggio intorno al mondo. Essendomi abituata all’efficienza e organizzazione dei parsi nordici, non è stato facile riabituarsi alla lentezza della burocrazia degli uffici pubblici e agli altri problemi tipici di tutti i paesi mediterranei, ma avrei avuto lo stesso identico problema se mi fossi ritrasferita in Italia. E poi dopo l’esperienza più bella della mia vita che è stata il giro intorno al mondo durante il quale mi sono presa la terribile “malattia del viaggiatore”, mi sarebbe stato difficile mettere radici in qualsiasi paese al mondo!
Un’altra difficoltà è stata quella di essermi dovuta rassegnare all’inevitabilità di prendere la patente (molti miei amici direbbero “finalmente!”) perché a Cipro senza macchina purtroppo non si sopravvive, soprattutto per chi come me vive fuori città.

Consiglieresti Cipro come Paese in cui vivere?
In generale a Cipro si vive bene. Il motivo principale è senza ombra di dubbio il clima, forse è un po’ scontato visto che l’isola gode in media di 320 giorni di sole all’anno! L’estate a Cipro sembra non finire mai, i bagni al mare si fanno tranquillamente da Marzo a Novembre. La primavera è la stagione più bella per fare passeggiate in mezzo alla natura, quando l’intera isola si copre di mille fiori e colori, ma anche l’autunno, quando nel resto d’Europa la gente inizia a indossare i cappotti qui siamo ancora in maglietta!
Inoltre Cipro è uno dei paesi più sicuri in Europa, con un tasso di criminalità molto basso. Capita spesso di vedere case con le porte spalancate, soprattutto nei piccoli paesi come quello in cui io vivo.

Com’è la situazione economica a Cipro dopo la forte crisi di qualche anno fa?

Dopo la grave crisi finanziaria che ha colpito l’isola nel 2013, Cipro non è ancora tornata alla normalità sebbene ci sia un lento ma costante miglioramento. C’è da dire che Cipro è entrata nella comunità europea con una delle migliori situazioni economiche (apparentemente!) con un tasso di disoccupazione solo del 3% e gli stipendi erano molto alti, in alcuni settori pubblici anche fin troppo. La mia opinione è che i ciprioti della mia generazione sono purtroppo stati “viziati” da questo benessere economico e hanno sviluppato manie di grandezza, costruendo abitazioni che più che case sono palazzi signorili e sfoggiando macchine di lusso come status symbol (ovviamente una per ogni membro della famiglia!). Alcuni settori inoltre, specialmente quelli pubblici, erano a saturazione con un numero eccessivo di dipendenti con conseguente inefficienza e lentezza del sistema. Ovviamente la crisi è stata una “bomba” per l’economia del paese ma forse “non tutto il male viene per nuocere” se la crisi porta con sé anche un cambio della mentalità della gente, nuove idee, maggiore efficienza nel settore pubblico, ristrutturazione del sistema finanziario e uno sviluppo edilizio più razionale e rispettoso nei confronti dell’ambiente (e non incontrollato come fino a qualche hanno fa).

Molti Italiani scelgono come mete per le loro vacanze le isole greche o altri Paesi, come li convinceresti a venire a Cipro?
E’ veramente un peccato che Cipro non sia tra le mete più gettonate per le vacanze degli Italiani e questo fa veramente riflettere come sfortunatamente ai giorni nostri siano la pubblicità e il marketing a determinare il trend del turismo. Mi chiedo spesso perché le Cicladi e non Cipro? Non lo capisco proprio. Cipro è la terza isola più grande del Mediterraneo e ha così tanto da offrire al turista. Non solo spiagge bianche circondate da acque cristalline, ma anche bellissimi paesaggi montani con foreste di pini, fiumi, cascate e incantevoli villaggi in pietra. E’ un’isola ricca di storia e cultura, che per la sua posizione strategica ha visto il succedersi di molti popoli che hanno lasciato tracce visibili del loro passaggio: templi e mosaici del periodo Romano, chiese bizantine dichiarate Patrimonio dell’Unesco, mura e ponti veneziani, moschee ottomane e poi l’affascinante città di Nicosia, l’unica Capitale ad essere ancora divisa in due in seguito all’invasione della Turchia nel 1974.
C’è cosi tanto da scoprire che una settimana non basta per conoscere a fondo l’intera isola ma solo per averne un breve assaggio!
Se poi non siete ancora convinti mi basta dirvi che quest’anno a fine Febbraio c’erano già 25°C… allora vi ho convinto?

Le persone sono preoccupate della “vicinanza” con la Siria e hanno timori, mi puoi dire com’è la situazione?
Capisco i timori della gente vista la vicinanza geografica di Cipro con la Siria, ma vi posso assicurare che qui la situazione è più che tranquilla. E’ vero che alcune spedizioni militari contro l’ISIS in Siria sono partite dalle basi militari britanniche a Cipro, ma la Repubblica di Cipro non è mai stata coinvolta in queste decisioni e non fa parte della coalizione dei Paesi che organizzano interventi militari contro l’ISIS, quindi il rischio di un attacco terroristico a Cipro è sicuramente inferiore al rischio di un possibile attacco in Inghilterra o negli altri Paesi della coalizione contro l’ISIS o anche in Italia (visto il suo coinvolgimento in Iraq e in Libia).
Inoltre, Cipro è solo marginalmente colpita dalla crisi dei rifugiati perché non è parte dell’area Schengen e quindi non è una zona di facile transito per quei rifugiati che vogliono raggiungere altre destinazioni europee.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lavori all’Aperanti Agrotourism quali sono le tue attività? 

parte la gestione delle prenotazioni e l’accoglienza dei clienti, le mie mansioni all’interno dell’agriturismo riguardano la preparazione dei nostri prodotti utilizzando la nostra frutta biologica. Tassos mi chiama la “regina delle marmellate” perché mi diletto in “esperimenti” (sono pur sempre una biologa!) per trovare nuove combinazioni tra frutta e spezie/erbe aromatiche… ho provato più di 50 combinazioni, tra le mie preferite troviamo fichi e rosmarino, clementini e zenzero, pesche e lavanda, prugne e amaretto. Potrete assaggiare alcune delle mie marmellate a colazione, insieme al miele locale e a torte dolci o salate fatte in casa.
Inoltre preparo diversi liquori, sempre utilizzando la nostra frutta o le bacche raccolte nel bosco, non solo limoncello e crema di limoncello, ma anche nocino, mirto e molti altri ancora.
Nel mese di Novembre siamo impegnati nella raccolta delle olive, parte delle quali vengono portate al frantoio per produrre il nostro olio e le restanti parti vengono messe sotto sale o in salamoia o usate per preparare il patè d’olive.
La mamma di Tassos, Maroulla, invece è l’esperta dei formaggi. I suoi genitori erano pastori e preparavano formaggi e altri prodotti caseari da vendere al mercato e Maroulla sin da bambina li aiutava nelle loro attività quotidiane, imparando così la tecnica. Qui ad Aperanti, Maroulla prepara l’Halloumi (il formaggio tradizionale Cipriota da gustare fresco o alla griglia) e l’Anari’ (che è l’analogo della nostra ricotta) fresco o stagionato.
Sia io che Maroulla siamo inoltre le cuoche dell’agriturismo e prepariamo piatti fatti in casa cercando di utilizzare il più possibile le nostre verdure e i nostri formaggi, per esempio ravioli di pasta fresca, torte salate, koupepkia (involtini di riso e carne avvolti con le foglie della vite) e molte altre specialità.

Cosa offrite ai vostri ospiti?
Ai nostri clienti offriamo non solo la possibilità di soggiornare in una casa tradizionale cipriota e di godere della tranquillità di un borgo rurale, ma anche di assaggiare i nostri prodotti e scoprire la loro preparazione. Su richiesta, i nostri ospiti potranno assistere alla preparazione dei nostri formaggi e partecipare alle altre attività agricole che svolgiamo nei diversi periodi dell’anno (per esempio la raccolta delle olive e la produzione di olio al frantoio).
Organizziamo inoltre dei tour di trekking sulle nostre montagne Machairas, in cui i nostri ospiti potranno immergersi completamente nella natura, scoprire la flora e la fauna locale e godere di panorami mozzafiato. Collaboriamo inoltre con una fattoria biologica della zona, che oltre alla semplice visita della fattoria offre la possibilità di noleggiare canoe per esplorare la diga di Tamassos e di organizzare passeggiate a cavallo (per esperti).
Per gli appassionati d’arte ed archeologia, consigliamo di visitare il sito archeologico di Tamassos e il Monastero di Agios Irakleidios (entrambi raggiungibili a piedi dal paese) e il Monastero di Machairas e le chiese di Panagia tou Araka e Stavros tou Agiasmati entrambe Patrimonio dell’Unesco (30-40 minuti di macchina).
Il nostro agriturismo è ideale anche per coloro che desiderano visitare la capitale Nicosia (20-30 minuti di macchina) ma preferiscono soggiornare in un paese tranquillo.
Infine, siamo anche felici di assistere i nostri ospiti nell’organizzazione della loro vacanza a Cipro, dando consigli pratici e suggerimenti riguardo ai posti non turistici da non perdere assolutamente. Contattateci pure prima del vostro arrivo e saremo lieti di aiutarvi!

Un saluto a tutta Italia, con la speranza di aver convinto almeno qualche Italiano a visitare l’isola di Cipro per una vacanza senz’altro indimenticabile e con l’augurio ai giovani Italiani di inseguire i propri sogni e di avere il coraggio di cambiare perché non è la politica, l’economia o quant’altro a cambiare il mondo ma siamo noi a farlo con le nostre piccole decisioni. Saluti da una vostra connazionale che non si è mai pentita di aver deciso che fosse giunta l’ora di voltare pagina!

1 COMMENT

Rispondi