Revisione-auto-2017

 

La revisione auto riguarda tutti gli automobilisti che che dopo 4 anni dalla prima immatricolazione e successivamente a cadenza biennale, devono sottoporre la propria auto a verifiche, regolamentate dalla Direttiva 2014/45/UE.

Revisione auto-quando si fa

Relativa ai controlli tecnici periodici dei veicoli a motore utilizzati su strade pubbliche, la revisione auto prevede determinati controlli atti a certificare che l’auto in esame sia conforme alle norme del codice della strada.

Diversi sono i controlli che devono essere effettuati. Si va dalla verifica dell’impianto frenante, all’impianto d’illuminazione e altri. Sul portale dell’automobilista, si posso trovare informazioni più precise sui controlli che vengono effettuati.

Da quando si è resa obbligatoria la revisione, man mano che le auto si sono evolute e che sono state aggiornate le normative, sono state apportate diverse modifiche alle metodologie di esecuzione.

Revisione auto: la direttiva 2014/45/UE. Novità e aggiornamenti 2017

La novità principale per l’anno 2017 sulla revisione auto riguarda le competenze che il personale che opera negli enti preposti deve avere. Stando alle nuove normative, il tecnico che lavora nei centri autorizzati dalla Motorizzazione, deve fare un corso di formazione iniziale per apprendere le nozioni tecniche principali.

Nelle giornate di formazione, si affrontano vari argomenti, da quelli tecnici relativi all’utilizzo dei macchinari adibiti ai vari controlli, a quelli burocratici per la gestione della documentazione relativa alla revisione auto.

Successivamente con cadenza periodica, il tecnico deve frequentare dei corsi di aggiornamento, dove vengono viste le varie novità in ambito burocratico e tecnico.

Per poter dare agli utenti un miglior servizio e per far si che le leggi vengano rispettate, si è ritenuto di preparare tutti gli operatori dei vari enti che effettuano le revisioni auto. Troppe volte si è parlato di poca professionalità e del fatto che determinate auto, nonostante abbiano superato positivamente la revisione, non fossero in realtà idonee a circolare per strada.

È così che il Ministero dei Trasporti ha deciso di apportare alcune modifiche che nel tempo porterà ad avere un servizio più efficiente.

Novità 2018

Per il nuovo anno, sono previsti nuovi aggiornamenti. Per combattere le truffe dello schilometraggio, si è pensato ad una soluzione.

Auto-schilometrate-servizio-Striscia-la-notizia

Regole più severe sia per il personale che effettua la revisione, sia per il proprietario dell’auto. La novità riguarda il certificato per garantire i km reali percorsi.

Ogni officina dovrà compilare un certificato online, dichiarando il chilometraggio ed indicando nello specifico lo stato del veicolo. Tutti i dati saranno poi raccolti in un database sul Portale dell’automobilista. 

Così facendo, se ovviamente si inseriscono dati veri, ognuno potrà sapere il vero chilometraggio dell’auto che magari sta acquistando.

Maggiori responsabilità per tutti, ma bisognerà sempre stare molto attenti, perché nessun sistema è infallibile. Come si dice, fatta una legge, trovato l’inganno.

Il Ministero dei Trasporti, sta cercando di strutturare una revisione auto di qualità e di risolvere diversi problemi. Come le truffe su i chilometri o peggio ancora sulla sicurezza del veicolo. Vedremo nei prossimi mesi se cambierà qualcosa.