Enrico Brizzi, Lorenzo Carpanè e Fabrizio Lorenz, Premio Itas 2018
Enrico Brizzi, Lorenzo Carpanè e Fabrizio Lorenz, Premio Itas 2018

Il Premio Itas è come certi rifugi di montagna, dove si incontrano anime affini. E dove puoi scambiare esperienze e prospettive con persone con le quali sarebbe bello fare una passeggiata. L’immagine è quella fornita da Enrico Brizzi, scrittore, presidente dell’omonimo premio. Un uomo che da “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” ad oggi di strada ne ha fatta davvero tanta. E che, in un certo qual modo, può essere davvero l’esempio da seguire per tutti i giovani.

Premio ITAS-presentazione Milano (1)
Premio ITAS-presentazione Milano (1)

Premio Itas 2018, tutte le novità

Si torna a decantare la scrittura, i racconti di montagna. Perché la passione, si sa, accomuna tutti coloro che cercano di descrivere emozioni vere e pure. E anche quest’anno, come ormai accade da 44 anni, il Premio Itas torna con tante novità e una grande voglia di far parlare la montagna. Tramite la penna (o il computer, visti i tempi moderni…) di giovani e meno giovani. Mercoledì 24 gennaio si è svolta a Milano, alla libreria Verso, la presentazione ufficiale del premio letterario. Il primo concorso italiano dedicato alla letteratura di montagna che, nel corso degli anni, ha contribuito a far conoscere libri di scrittori già noti o che, grazie al premio, lo sono diventati. Gente del calibro di Messner, Zoderer, Unsworth, Camanni, Cassin, Rigoni Stern, Urubko, Casella, Macfarlane e Cognetti.

Premio ITAS-presentazione Milano
Premio ITAS-presentazione Milano

La storia del Premio ITAS

Nato nel 1971, il prestigioso riconoscimento, oramai affermato punto di riferimento all’interno del panorama letterario ed editoriale italiano, si prepara a lanciare un’edizione 2018 pronta a farsi ricordare. A fare gli onori di casa il già citato Enrico Brizzi, scrittore e presidente di giuria dal 2013. Ma anche Lorenzo Carpanè, responsabile del Premio ITAS e del progetto formativo dedicato ai ragazzi Montagnavventura. E Fabrizio Lorenz, Presidente di ITAS Mutua, compagnia assicurativa ideatrice e promotrice del progetto.

Premio ITAS-presentazione Milano
Premio ITAS-presentazione Milano

L’impegno di ITAS

Ad aprire le danze ci ha pensato Fabrizio Lorenz: “Il gruppo Itas è, per longevità, una delle aziende più anziane – precisa – ed è tramite l’appoggio ad eventi come questi che cerca di rinnovarsi ed avvicinarsi sempre più ai bisogni dei cittadini. Perché siamo una compagnia assicurativa, vero. Ma non solo. Cerchiamo di capire e ascoltare i bisogni del territorio. Non si tratta solo di un ennesimo premio, ma è un tentativo di fare qualcosa di più. Dare un aiuto a chi vuole innamorarsi della scrittura e della lettura”. Gli fa eco Enrico Brizzi: “Esiste chi in Italia fa mecenatismo. Ma questa è un’opportunità preziosa. C’è qualcuno che ti offre il suo tempo e ti da una piccola ricompensa. Una cosa da non sottovalutare”.

Premio ITAS-presentazione Milano
Premio ITAS-presentazione Milano

Le novità

Ed è proprio questo il lato da sottolineare: il ruolo bello, onesto, semplice, che questa iniziativa può avere verso i giovani, che fanno molta fatica ad avere attenzione da parte di un pubblico professionale particolare come quello dell’editoria: “Per i giovani è difficile avere attenzioni – prosegue ancora Enrico Rizzi – sopratutto per chi fa qualcosa fuori moda come scrivere. Non fanno niente di stravagante e clamoroso. Cercano di superare i limiti e ascoltare la natura. Potrà sembrare noioso, ma è una cosa estremamente fantastica”. Enrico Brizzi, scrittore e presidente di giuria dal 2013, ha annunciato ufficialmente il ritorno alla cadenza annuale:Il Premio, con il ritorno all’annualità, è destinato a porsi sempre più come punto di riferimento, non solo in ambito nazionale. Perché come nessun altro premio di settore è in grado non solo di registrare, ma anche di promuovere la cultura della montagna, del cammino, della scoperta, anche con nuovi linguaggi”.

Premio ITAS-presentazione Milano
Premio ITAS-presentazione Milano

Chi può partecipare e come fare per iscriversi

Possono partecipare all’edizione 2018 le opere edite dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017 in lingua italiana da parte di scrittori viventi. Il premio si articola in tre sezioni: opere narrative; opere non narrative (saggi, manuali e guide) sull’alpinismo, sui viaggi e sull’avventura; narrativa per ragazzi in cui la montagna svolga un ruolo significativo. Il termine per inviare le opere è fissato per il 31 gennaio 2018. Tutte le informazioni, il regolamento, le categorie e i relativi premi sono consultabili al sito: www.premioitas.it. I vincitori verranno premiati, come da tradizione, a Trento, venerdì 27 aprile 2018, nell’ambito della settimana cinematografica del 66° Trento Film Festival.