Periscope
Periscope

Mai così come nell’era di internet le notizie si rincorrono l’una dietro l’altra e i trend cambiano nel giro di pochissimo, un contesto che ha reso possibile lo straordinario successo di Periscope. Per chi non fosse ancora a conoscenza di questa innovazione, consiste in un’applicazione idonea a riprendere video direttamente dal proprio smartphone e che permettere di seguire in diretta le riprese degli altri utenti registrati alla piattaforma.

Per potervi accedere è necessario disporre di un account Twitter, per poi, una volta compiuto il login con il proprio cellulare o computer, accedere all’interfaccia della piattaforma, suddivisa in varie sezioni. La prima, contrassegnata da un’icona a forma di televisore, mostra l’elenco dei live delle persone seguite, da far partire con un semplice tocco. La seconda, con il simbolo di un mappamondo, include diversi canali provenienti dall’intera rete che il visitatore potrebbe giudicare affascinanti, secondo le tendenze del periodo.

Altrettante intuitive le modalità con cui interagire, come la scrittura di un commento, visibile dal resto del pubblico, o l’invio di un cuoricino di approvazione mediante semplice tocco sullo schermo. Il nucleo del servizio è però il “Live”, dove si può creare i propri filmati, il tutto reso più personale dalle impostazioni, grazie alle quali si può scegliere fra accesso pubblico o privato, condivisione (altrimenti solo chi segue il profilo riceverà una notifica della diretta), geolocalizzazione e commenti.

Alquanto semplice anche cambiare l’oggetto dell’inquadratura, con un doppio tap sul display sufficiente per passare dalla fotocamera posteriore alla anteriore, mentre per interrompere la diretta occorre trascinare la schermata verso il bordo inferiore dello schermo. Una volta compiuta la piccola opera, sarà possibile salvare il video e lasciarlo fruibile per 24 ore, così che chi si fosse perso lo show possa rifarsi a breve. Tra i volti noti italiani che hanno già dato segno di apprezzare la novità personaggi del calibro di J-Ax, Fiorello e Jovanotti.

Rispondi