Tra le feste più sentite dagli italiani, la Pasqua può essere celebrata in modo alternativo, magari secondo un lungo week-end contraddistinto dalle tapas, tipica specialità iberica.

PIATTI PRELIBATI – A promuoverne la singolare celebrazione Wimdu, il principale portale europeo dove cercare gli appartamenti per vacanze, incluse le migliori città di Spagna. La capitale Madrid offre ad esempio il Mercado San Miguel, bellissima struttura di inizi ‘900 dove, dalle 10 del mattino fino alle 2 di notte, è assaggiabile la tradizionale cucina, possibilmente accompagnata da vino iberico. Ai più raffinati freschissime ostriche e crudités accostate, giusto per non farsi mancare nulla, da squisite torte nel mercato vicino, già servite in porzioni.

GUSTOSA FRESCHEZZA – Capoluogo catalano, Barcellona viene considerata patria dell’arte. Visitato Parc Güell, sceso verso Casa Battló e proseguito lungo la Rambla, pittoreschi personaggi animano il Mercado de la Boqueria, luogo ideale nel gustare centrifugati multicolor appena fatti. A catturare l’attenzione frutta e verdura del giorno, rigorosamente posizionate sui banchi in maniera impeccabile, assieme a un gustosissimo panino con jamon serrano.

ADATTO A QUALUNQUE PREFERENZA – Ben due sono le tappe irrinunciabili se la meta visitata è il centro storico di Valencia. Patria della paella (mangiata a pranzo, possibilmente di domenica), pollo, coniglio e verdura vengono venduti al Mercado Central, fuori invece è acquistabile la pentola con cui cucinare la pietanza. Complementare invece il Mercado de Colon, realizzato secondo uno stile ammaliante e ospitante numerosi bar e ristoranti.

BONTA’ INDISCUTIBILE – Chiude il tour la splendida Siviglia. Fondamentale citare il Mercado de Triana, ritrovo frequentato quasi quotidianamente dai locali. Pesce, carne, frutta, verdura e prodotti da forno artigianali deliziano ogni palato. Taifa, birra color ambrato e retrogusto di arancia, rende infine onore agli abitanti.

1 COMMENT

Rispondi