ora solare e ora legale

Nella notte tra sabato 28 e domenica 29 ottobre torna l’ora solare. Avremo così la possibilità di dormire un’ora in più, ma la sera farò buio più presto.

Ora solare e ora legale: quale cambiamento ci attende

Come da tradizione, anche quest’anno l’ultimo fine settimana di ottobre darà inizio a un importante cambiamento: il ritorno dell’ora solare. Nella notte tra sabato 28 e domenica 29 ottobre sarà quindi necessario spostare indietro le lancette di un’ora.

Poter dormire un’ora in più sarà certamente un sollievo per chi ha bisogno di un po’ di riposo, ma non sarà senza conseguenze. Anche il fisico dovrà infatti abituarsi e potrà andare incontro a qualche piccolo disturbo, comunque passeggero.

La luce, infatti, stimola l’ipotalamo, la zona dell’organismo che si occupa di regolare appetito, sonno e umore. Nei primi giorni molti di noi proveranno quindi una sensazione di stanchezza, difficoltà ad addormentarsi e cali di attenzione. Non si possono escludere nemmeno alcuni sbalzi d’umore e una leggera depressione apparentemente immotivata.

Ora solare e ora legale: consigli utili da seguire

Nonostante qualche lieve disagio, sarà comunque possibile seguire qualche piccola accortezza per abituarsi al cambiamento. È innanzitutto consigliabile, almeno nei primi giorni, andare a dormire un po’ prima rispetto alle normali abitudini. Questo permetterà al fisico di abituarsi più facilmente alle giornate più corte.

Può essere raccomandabile anche modificare la propria alimentazione. Si tratta infatti di un aspetto della nostra vita quotidiana indissolubilmente legato al ritmo sonno-veglia. Nelle prime due settimane meglio quindi preferire evitare cibi contenenti una quantità eccessiva di sodio, thé e caffè, soprattutto nelle ore serali. Bevande quali tisane e camomilla possono aiutare l’organismo a diminuire il contraccolpo.

Ora solare e ora legale: come nasce la convenzione

Il momento in cui dobbiamo spostare indietro le lancette dell’orologio per l’introduzione dell’ora solare è ormai diventato un’abitudine consolidata per tutti. Ma a quando risale questa scelta? Il primo a parlarne è stato Benjamin Franklin, che nel 1784 aveva lanciato l’idea pensando di poter risparmiare notevolmente il energia. L’introduzione definitiva avvenne però solo nel 1916 per volere della Camera dei Lord inglese, che diede il via libera per quello che poi sarebbe diventato il passaggio all’ora legale (all’inizio lo spostamento in avanti delle lancette avvenne in estate).
In Italia il cambiamento è diventato definitivo a partire dal 1965. Attualmente, oltre che nei Paesi aderenti all’Unione Europea, anche Stati Uniti e Canada seguono la stessa tendenza. Le giornate torneranno a essere più lunghe nell’ultimo weekend di marzo con il ritorno dell’ora legale.