Milan: la triste storia di Fernando Torres

Milan: la triste storia di Fernando Torres

0 533
Fernando Torres all'Atletico Madrid
Fernando Torres all'Atletico Madrid

Il Milan ha ufficialmente ceduto Fernando Torres all’Atletico Madrid e, nei prossimi giorni, accoglierà a braccia aperte l’arrivo di Alessio Cerci. Operazione a costo zero: due prestiti di un anno e mezzo di due giocatori che non hanno trovato lo spazio e la continuità giusta nelle rispettive squadre. Ora, entrambi cercheranno di rinascere. Cerci in Italia, Torres in Spagna dove, oltretutto, è esploso: cresciuto nelle giovanili dell’Atletico Madrid, con i Colchoneros ha collezionato 214 presenze e 82 reti tra il 2000 e il 2007, prima della sua cessione al Liverpool (2007-2011, 102 partite e 65 gol), al Chelsea (2011-2014, 110 presenze e 20 gol) e al Milan.

In rossonero, però, ha deluso, inutile negarlo. Arrivato il 31 agosto 2014, inizialmente in prestito biennale con opzione per un terzo anno di contratto, forte (o debole) di un contratto da quattro milioni di euro più bonus, ha esordito in campionato il 20 settembre seguente subentrando al 76′ ad Andrea Poli in Milan-Juventus, sfida persa per 1-0. Tre giorni dopo, nella prima gara da titolare contro l’Empoli, realizza la sua prima rete in maglia rossonera (2-2). La prima e unica rete con la maglia del Milan. Il 27 dicembre 2014 il Chelsea ha comunicato il passaggio di Torres al Milan a titolo definitivo, passaggio che verrà ufficializzato il 5 gennaio 2015 alla riapertura del mercato.

Fernando Torres all'Atletico Madrid
Fernando Torres all’Atletico Madrid

Ma la sua storia rossonera finisce qua: dieci partite, tra spezzoni e match interi, un solo gol. Spesso ultima opzione d’attacco per Filippo Inzaghi, che gli ha preferito a turno Menez, Pazzini e anche Niang, l’ex Nino ha deciso di ritornare mestamente a Madrid, dove spera di poter tornare ad essere il grande giocatore ammirato fino a qualche anno fa. Il Milan lo saluta, ma ancora una volta deve fare mea culpa per una decisione, quella del suo ingaggio, presa forse a cuor leggero: da Balotelli a Kakà e Fernando Torres, lo spreco di soldi in rossonero prosegue.

NO COMMENTS

Rispondi