Max Pezzali
Foto: Wikimedia Commons

Max Pezzali, l’artista diventato famoso come voce della band 883, festeggia oggi il suo 50esimo compleanno.

Max Pezzali: il ragazzo del pop è diventato uomo

Molti di noi sono praticamente cresciuti con le canzoni degli 883 interpretate dalla voce di Max Pezzali. Pensare che il cantante raggiunga l’importante soglia dei 50 anni di età fa quindi certamente un po’ di effetto.

L’esordio della band, formata insieme all’amico Mauro Repetto conosciuto al liceo, risale al 1991. Il primo brano con cui si fanno conoscere si intitola “Non me la menare”: il talent scout Claudio Cecchetto, dopo averlo ascoltato, è letteralmente conquistato dal ritmo della canzone e decide di scommettere su di loro. Grazie al suo supporto di lì a poco il gruppo esordirà al Festival di Castrocaro.

L’anno successivo arriva anche il primo album, “Hanno ucciso l’Uomo Ragno”, dal titolo di una delle canzoni che viene ancora oggi canticchiata da molti. Il disco raggiunge in breve 600.000 copie e il primo posto nelle classifiche. Adolescenti e ragazzi sono letteralmente conquistati dalla musica degli 883, che si basa soprattutto su un ritmo travolgente e su temi e problemi tipici di molti di loro.

Max Pezzali: un successo costante

Nel panorama musicale non sono state poche le band che hanno conosciuto un successo iniziale per poi cadere quasi nel dimenticatoio. Max Pezzali e i suoi 883 hanno però smentito in maniera decisa questa idea.

Già nel 1993, dopo avere vinto il concorso “Vota la voce”, è in arrivo il secondo album dal titolo “Nord Sud Ovest Est”, altra canzone entrata nel cuore di molti. Il riscontro è addirittura superiore a quello del disco d’esordio.

Nel 1995, quando nessuno se lo sarebbe aspettato, arriva la svolta che segna in modo decisivo la storia della band. Repetto decide di trasferirsi negli Stati Uniti e di iniziare lì una nuova fase della sua vita. Nonostante tutto, Pezzali non perde l’entusiasmo e inizia la sua nuova carriera da solista. Spinto dall’entusiasmo che solo il pubblico sa regalare, Max decide di tentare l’esperienza del Festival di Sanremo. All’Ariston ottiene il quinto posto con “Senza averti qui”. L’artista pavese dimostra anche le sue foti di autore con “Finalmente tu”, interpretata da Fiorello: lo showman siciliano si piazza all’ottavo posto.

Max Pezzali: tanti tormentoni indimenticabili

Pezzali continua a mantenere il nome “883” anche nella sua esperienza da solista, ma il successo non lo abbandona. Tra i brani che hanno lasciato un segno possiamo citare “La regola dell’amico”, “La dura legge del gol”, “Jolly Blu” e “Stessa storia, stesso posto, stesso bar”.

Anche con il passare degli anni la popolarità non abbandona Max. Uno degli anni di maggiore successo è il 2001, in cui gli 883 risultano risultano i cantanti “più conosciuti e seguiti” dai giovani italiani tra i 14 ed i 24 anni.

Nel 2004 l’artista prende una decisione che sul momento può sembrare coraggiosa: abbandonare per sempre il nome 883. Nel 2011 l’ultima esperienza, almeno finora, sul palco del Festival di Sanremo con il brano “Il mio secondo tempo”.

A breve sta per uscire “Canzoni in radio”, il nuovo album creato per celebrare i 25 anni dall’inizio della sua carriera.