Shanghai
Shanghai

La cerimonia dei Laureus World Sports Awards, le massime onorificenze consegnate ai personaggi sportivi di tutto il mondo, si terrà presso il famosissimo Grand Theatre di Shanghai nella serata di mercoledì 15 aprile.

Edwin Moses, Presidente della Laureus World Sports Academy, costituita da alcune tra le più grandi leggende viventi dello sport, ha dichiarato: “Dopo avere visto il Grand Theatre, credo che possiamo garantire che questa sarà una delle cerimonie più memorabili dei Laureus Awards. È la prima volta che la cerimonia si tiene in Cina, un grande cambiamento per noi, e sono felice che si svolga in questo famosissimo e iconico teatro.”

La cerimonia di premiazione, trasmessa in TV a livello mondiale e presenziata da numerose leggende viventi dello sport, onora ogni anno i risultati sportivi ottenuti dai più grandi atleti. I Laureus World Sports Awards saranno supportati dall’azienda cinese della lana e del tessile HengYuanXiang Group (HYX), partner ospitante dei Laureus World Sports Awards 2015, e riceverà il patrocinio del Comune di Shanghai.

I vincitori dei Laureus World Sports Awards vengono scelti dai 47 membri della Laureus World Sports Academy. Tutti i proventi raccolti grazie ai Laureus World Sports Awards saranno devoluti alla Laureus Sports for Good Foundation a sostegno degli oltre 150 programmi internazionali di iniziative legate al mondo sportivo in 34 Paesi, inclusa la Cina.

I membri della Laureus World Sports Academy svolgono l’attività di ambasciatori per la Laureus Sport for Good Foundation, la cui missione è impiegare lo sport quale mezzo per contrastare alcuni dei problemi sociali più gravi che colpiscono i giovani d’oggi, come criminalità giovanile, gang, HIV/AIDS, discriminazione, esclusione sociale, sensibilizzazione in materia di mine antiuomo e problemi di istruzione e salute, quali l’obesità.

SHARE
Previous articleFifa: a Zurigo il museo del calcio mondiale
Next articleDove vedere la Coppa d’Africa 2015
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Rispondi