La tecnologia è affascinante: ma per gli italiani è difficile da capire

La tecnologia è affascinante: ma per gli italiani è difficile da capire

1 185

La tecnologia è affascinante ma per gli italiani è difficile da capire, ecco quanto emerso dalla ricerca Samsung Tech Habits 2016. Perché se il 40% degli Italiani è interessato alle nuove tecnologie, il 59% ne utilizza di più rispetto a due anni fa ma l’88% finge di comprenderne il significato.

Tecnologia, amore e odio

Gli italiani e gli europei in generale fanno fatica a rimanere al passo con la terminologia tech, per molti ancora sconosciuta e fonte di incomprensioni. L’edizione 2016 di Tech Habits, la ricerca che Samsung conduce annualmente a livello europeo, rivela infatti che mai come ora il nostro Paese sta cogliendo le opportunità della rivoluzione digitale. Il 40% degli Italiani è interessato alle nuove tecnologie, come ad esempio il Galaxy S7 e Galaxy S7 edge, percepiti dai consumatori come molto più di uno smartphone, in linea con l’obiettivo di Samsung di sviluppare dei dispositivi che si consolidino quale hub della vita personale e lavorativa di ognuno di noi.

Ciò nonostante, sono molte le persone che faticano a comprendere la terminologia tech: l’88% degli Italiani ha dichiarato infatti di aver finto almeno una volta di conoscere un termine legato al mondo della tecnologia, quando invece non aveva la minima idea del suo significato. Circa un terzo degli Italiani (32%) ha evidenziato come una terminologia poco chiara impedisca di utilizzare al meglio un dispositivo, sfruttandone tutte le potenzialità (in Europa la percentuale scende al 23%); il 36% dice di possedere almeno un device più avanzato rispetto alle proprie capacità di utilizzo e necessità (la percentuale sale al 43% a livello europeo), mentre il 7% (l’11% in Europa) si sente invece in ritardo nei confronti del progresso tecnologico.

Italia ed Europa, il contesto non cambia

Se in tutta Europa infatti la parola Cloud risulta ancora la meno conosciuta in ambito tecnologico, è interessante notare le differenze in classifica nella seconda posizione, occupata dallo Streaming nel ranking generale europeo, e dalle Emoji in quello italiano. Il posizionamento del termine Streaming nella seconda metà della Top 10 Italia sottolinea un trend ormai consolidato, che vede gli Italiani sempre più appassionati dei servizi video e TV online, diventati ormai parte integrante delle nostre abitudini di fruizione di contenuti digitali. Il termine Emoji, invece, risulta meno compreso in Italia rispetto al resto dell’Europa: questo posizionamento in classifica potrebbe essere ricondotto a una più difficile associazione da parte degli Italiani della parola di origine giapponese alle icone che utilizziamo quotidianamente per esprimere il nostro stato d’animo via chat. L’Internet delle Cose si posiziona al terzo posto sia a livello europeo sia in Italia, a evidenziare come gli oggetti connessi stiano progressivamente entrando a far parte del nostro bagaglio di conoscenze.

1 COMMENT

Rispondi