La nuova Kia Rio
La nuova Kia Rio

In attesa di debuttare ufficialmente al Mondial de l’Automobile 2016, Kia Rio si svela in anteprima con tre immagini esclusive. Linee tese e superfici morbide conferiscono alla nuova generazione un carattere più distintivo. Che rende questa nuova Rio ancora più entusiasmante e premium della già apprezzata versione attuale.

Anteprima a Parigi per la nuova Kia Rio

La quarta generazione di Kia Rio avrà la sua anteprima ufficiale il prossimo 29 settembre. A Parigi in occasione del Mondial de l’Automobile 2016. Il design modernissimo e sofisticato della carrozzeria e degli interni della nuova Rio è il frutto del lavoro congiunto dei centri stile Kia di Francoforte in Germania e di Irvine in California. Coordinati dalla centrale di Namyang in Corea. Linee tese e superfici morbide conferiscono alla nuova generazione un carattere più distintivo. Che rende questa nuova Rio ancora più entusiasmante e premium della già apprezzata versione attuale.

La nuova Kia Rio
La nuova Kia Rio

Una gamma di innovazioni

Le innovazioni principali riguardano la parte anteriore, con il cofano e lo sbalzo più lunghi, il passo aumentato e il montante posteriore verticale che rendono il look particolarmente equilibrato e gradevole. La nuova generazione di Rio offre contenuti all’avanguardia della categoria in fatto di praticità, sicurezza e connettività, che si aggiungono alle eccellenti caratteristiche dinamiche, di guida e di comfort. Rio è tradizionalmente il modello di maggior successo di Kia nel mondo, con ben 473.000 esemplari venduti nel corso del 2015. La conferenza stampa di Kia al Mondial de l’Automobile avrà luogo il 29 settembre alle ore 14,45 sullo stand presso il padiglione 3 del Paris Expo Porte de Versailles.

La nuova Kia Rio
La nuova Kia Rio
SHARE
Previous articleCome creare un account Gmail
Next articleHonor 8: prezzo, recensione, scheda tecnica
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Rispondi