Ford Motor Company ha annunciato 2 nuove partnership europee che permetteranno di progredire nello sviluppo dell’auto a guida autonoma e nella ricerca di soluzioni di ‘smart mobility’ in grado di affrontare e vincere le sfide dei futuri orizzonti del mondo dei trasporti. Ford ha stabilito una nuova partnership con l’Università di Aachen, in Germania, dove sorge anche uno dei più importanti centri europei di ricerca e sviluppo Ford, per studiare i modelli di business e le aspettative dei clienti negli scenari della ‘smart mobility‘ nell’ambito del progetto ‘Personal Mobility Experience Innovation’.

Il progetto ha lo scopo di identificare caratteristiche, tecnologie, servizi e soluzioni che i clienti si aspetteranno dalle auto del domani e di affrontare le sfide della mobilità personale del domani, dalla riduzione delle congestioni del traffico alla minimizzazione della impronta ambientale del settore del trasporto. Ford parteciperà inoltre al progetto di ricerca ‘Autodrive’, promosso dal governo del Regno Unito, che permetterà di fare ulteriori passi in avanti nello sviluppo delle auto a guida completamente autonoma.
Le nuove partnership sono state annunciate da Mark Fields, Presidente e CEO di Ford, nel corso dell’International CAR Symposium di Bochum, in Germania, dove ha ribadito l’importanza dell’innovazione per lo sviluppo delle future soluzioni per una mobilità personale efficiente, connessa e integrata. Entrambi i progetti fanno parte della strategia globale ‘Ford Smart Mobility’, grazie alla quale Ford porterà avanti in tutto il mondo la ricerca su connettività, guida autonoma e innovazione, affrontando le sfide locali globali della mobilità del domani.

SHARE
Previous articleLa storia del burlesque in mostra a Milano
Next articleNessuno si salva da solo: lo dice Riccardo Scamarcio
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...