Joe Pesci
Foto: Wikimedia Commons

Joe Pesci è attualmente uno degli attori più versatili nel panorama hollywoodiano e festeggia oggi il suo 75esimo compleanno.

Joe Pesci: dalla musica al cinema, il passo è breve

Sono numerosi gli attori che non si limitano a mettersi alla prova solo nella recitazione, ma che amano misurarsi con il mondo dello spettacolo a 360°. Joe Pesci rientra certamente in questa categoria.

L’artista, infatti, sin da quando era solo un bambino ha deciso di affiancare allo studio della recitazione anche quello di danza e canto. Il richiamo delle note però è davvero irresistibile e lo porta a fondare una band  già nel 1961, la “Joey Dee and the Starliters”, di cui è chitarrista. Il gruppo ha però vita breve e prenderà la decisione di sciogliersi dopo lo scarso successo del loro primo e unico album.

Il debutto del cinema arriva nel 1975 in “Backstreet”, ma anche in questo caso il riscontro sarà poco positivo.

Joe Pesci: Robert De Niro e Martin Scorsese nel suo destino

Pesci sembrava ormai convinto di non potersi fare strada nel mondo del cinema, ma il destino stava per bussare alla sua porta. Due artisti importanti del calibro di Robert De Niro e Martin Scorsese erano infatti rimasti colpiti dalla sua interpretazione in “Backstreet”: il regista decide così di puntare su di lui in una delle sue opere più importanti, “Toro scatenato”, uscito nelle sale nel 1980. A lui viene affidato il ruolo del fratello di Jack La Motta, che gli permetterà di ottenere la nomination all’Oscar.

Da lì in avanti arriverà un successo dietro l’altro. L’attore sarà infatti nel cast di pellicole importanti quali “C’era una volta in America” (1981), “Arma letale 2” e “Quei bravi ragazzi”. Grazie a quest’ultima interpretazione conquisterà il Premio Oscar come miglior attore non protagonista. Indimenticabile ancora oggi la sua presenza in “Mamma ho perso l’aereo”, in cui mette in mostra anche il suo talento comico.

Joe Pesci: i grandi successi degli anni ’90

Ulteriori successi arriveranno negli anni ’90. Nel 1991 ha la possibilità di mostrare ancora una volta la sua versartilità in una pellicola drammatica come “JFK – Un caso ancora aperto“, dove è diretto da Oliver Stone. L’anno successivo sarà invece la volta del sequel di “Mamma ho perso l’aereo”, che ripete i successi della prima pellicola.

Seguono poi “Mio cugino Vincenzo”, “Bronx” e “Casinò”.

Tra gli ultimi lavori ricordiamo “The Good Shepherd – L’ombra del potere” e “Love Ranch”.