Il sapore inconfondibile di Braulio, dalla Valtellina a Milano

Il sapore inconfondibile di Braulio, dalla Valtellina a Milano

1 350
Braulio
Braulio

Braulio, il segreto è nella botte. Così pare, dato che per festeggiare i 140 anni dalla sua nascita Braulio, l’autentico amaro valtellinese, ha deciso di allestire una vera e propria botte. Dove? Nel cuore di Milano e precisamente in Corso Como angolo Piazza XXV Aprile. Quando? Dal ponte dell’Immacolata fino al 20 dicembre.
I milanesi sono quindi invitati ad entrare all’interno di una caratteristica botte gigante, realizzata dall’amaro in collaborazione con esperti artigiani, per scoprire le essenze e le qualità del suo iconico gusto inconfondibile. Per chi ancora non lo conoscesse ecco quindi un’occasione adatta per scoprire questa bevanda, autentico after dinner italiano. Chi già lo conosce invece potrà accedere ai segreti e alle tradizioni.

Braulio
Braulio

UN PO’ DI STORIA – la storia dell’amaro Braulio inizia nell’Ottocento nella farmacia del dottor Giuseppe Peloni, grande conoscitore di piante ed erbe aromatiche. Il figlio Francesco, anch’egli farmacista e con le stesse passioni del padre, sperimentò numerosi infusi e bevande finché un giorno nacque l’Amaro Braulio. La ricetta non venne rivelata a nessuno se non al figlio Attilio che nel 1936 pubblicò un prezioso opuscolo dal titolo “In herbis salus”, svelando parte della ricetta.
La ricetta infatti è segreta ed è stata tramandata di generazione in generazione da 140 anni.

Braulio
Braulio

Braulio è realizzato sulle pendici del Monte omonimo (da cui prende il nome) ed è naturale al 100%. È composto da una miscela di erbe e piante aromatiche valtellinesi di cui solamente 4 sono state rese note: la genziana, il ginepro, l’assenzio e l’achillea moscata.
Questo amaro è lasciato riposare per un massimo di due anni in tradizionali botti di rovere di Slavonia.
Il suo gusto forte e amaro è bilanciato da freschi sentori balsamici e lascia in bocca un sapore amabile e setoso, ottimo da gustare sia liscio che con ghiaccio.

1 COMMENT

Rispondi