Adriano Celentano
Foto: Wikimedia Commons

Adriano Celentano, uno dei cantanti più importanti nella storia della musica italiana, festeggia oggi il suo 80esimo compleanno.

Adriano Celentano: una carriera di successi

Non sono pochi i “cantanti trasversali”, in grado quindi di ottenere l’apprezzamento di più generazioni. Adriano Celentano, le cui canzoni più vecchie sono ricordate ancora oggi dai ragazzi, rientra certamente in questa categoria.

Sono tanti i brani entrati nell’immaginario collettivo. Tra questi, possiamo citare “24 mila baci”, Il ragazzo della via Gluck, L’albero di 30 piani,  Tre passi avanti, Pregherò, Chi non lavora non fa l’amore (con cui vince a Sanremo nel 1970), La coppia più bella del mondo, capolavori come Una carezza in un pugno,  Azzurro (musica di Paolo Conte)e e Storia d’amore. Indimenticabile anche Prisencolinensinainciusol, in grado di anticipare il rap.

Non ha mai amato assimilarsi alla “massa” e in più occasioni ha compiuto scelte tutt’altro che semplici. Celentano ha evitato il più possibile di legarsi a una casa discografica, considerata troppo vincolante per poter esprimere la sua musica. Da qui è arrivata la nascita del “clan”. Più che una società può essere considerata una sorta di “comune artistica”. L’idea è stata pensata anche per salvaguardare gli interessi di amici e parenti. Anche negli ultimi anni i successi non sono mancati. Gran parte del merito si deve al sodalizio intrapreso con Mina: il loro album “Acqua e sale” ha venduto addirittura un milione e 600 mila copie. Nel 2016 la coppia si ricompone per Le migliori: il disco risulterà il più venduto dell’anno.

Adriano Celentano: l’amore indissolubile con la sua Claudia

Nel mondo della musica e dello spettacolo è sempre più difficile trovare coppie in grado di esistere al tempo e alle possibili tentazioni. Celentano ha voluto distinguersi anche in questo, difficile immaginarlo separato dalla sua Claudia. I due si sono conosciuti sul set di “Uno strano tipo” e giurati amore eterno nel 1964 nella chiesa di San Francesco a Grosseto.

Dalla loro unione sono nati tre figli: Giacomo, Rosita e Rosalinda.

Adriano Celentano: la trande passione per il cinema

Celentano rientra certamente tra i gli artisti a tutto tondo, in grado di farsi apprezzare anche nelle vesti di attore. La sua filmografia è decisamente ricca e conta addirittura una quarantina di pellicole cinematografiche. I maggiori successi sono arrivati negli anni ’70 e ’80 dove registra il record di incassi grazie a Il bisbetico domato, Innamorato pazzo, Asso, Bingo Bongo, Mani di velluto, Grand hotel Excelsior.

È inoltre stato regista di Yuppi Du, che ha conquistato il Nastro d’argento nel 1976 per la miglior colonna sonora. Si è inoltre aggiudicato due David di Donatello come miglior attore protagonista, nel 1976 per Bluff-Storia di truffe e di imbroglioni e nel 1980 per Mani di velluto.

Adriano Celentano: un artista anticonformista

I suoi brani, in grado anche di fare riflettere il pubblico, sono certamente stati fondamentali nella più che positiva carriera di Celentano, ma il cantante si è fatto apprezzare anche per la sua capacità di esprimersi su temi importanti. Il tutto senza il timore di procurarsi delle critiche.

Emblematico è ad esempio il suo pensiero sul divorzio: “Non ho mai creduto al divorzio anche se credo che ci vorrebbe una patente per essere autorizzati a sposarsi“. Apparentemente la sua idea potrebbe sembrare ormai trapassata, ma allo stesso tempo è più che naturale per uno che vanta un matrimonio lungo più di mezzo secolo con Claudia Mori.

Recentemente ha anche voluto dire la sua su un tema che ha fatto notevolmente discutere, la volontà del papa di modificare parzialmente il Padre Nostro. Il cantante si è detto concorde con Francesco: “Ha ragione il Papa quando dice che Dio non è un tentatore“.

Il “Molleggiato” non ha esitato anche a prendere posizione sulle questioni politiche del nostro Paese: si è schierato infatti a favore di Giuliano Pisapia a Milano, Umberto Ambrosoli nelle Regionali in Lombardia, Stefano Rodotà alla Presidenza della Repubblica.