Ripartire di slancio, dopo una stagione impegnativa ma ricca di risultati. Perché la voglia di sperimentare, di provare nuove emozioni e cercare nuove strade, di certo non manca. Torna la Formula E con il suo campionato del Mondo 2018 e ritorna anche il Panasonic Jaguar Racing Team. Che, dopo l’esperienza del 2017, è pronto a lanciarsi in quella che sarà la sua seconda stagione nel mondiale delle auto 100% elettriche.

Race to Innovate, si parte da Hong Kong

E dunque è tutto pronto. Anche il claim, che rimane Race to Innovate. La mission di Panasonic Jaguar Racing non cambia e le vetture sono pronte per la gara inaugurale del Campionato ad Hong Kong, in programma nel weekend del 2 e 3 dicembre. La nuova stagione porta con sé una nuova vettura e un nuovo pilota, oltre a nuove regole e nuove location. La Jaguar I-Type 2 presente oltre 200 nuovi componenti ed è ancora più leggera ed efficiente.

Piquet sulle orme di papà

Al via ci saranno i piloti Nelson Piquet Jr. e Mitch Evans, che dovranno coprire i 45 giri del tracciato cittadino lungo 1,86 km, che si snoda nella zona del porto. Per questa stagione, il livello di potenza è stato portato a 180 kwh rendendo le auto ancora più veloci. Nelson Piquet Jr, il nuovo pilota che nella gara inaugurale di Hong Kong del 2016 conquistò la pole position, ha detto: “Entrare a far parte della squadra Panasonic Jaguar Racing è fantastico e soprattutto lo è vedere come questo nuovo team si stia impegnando. Lavoro a stretto contatto con tutti i tecnici portando la mia esperienza in Formula E per arrivare ad un livello ancora più elevato. Il Campionato è sempre più competitivo e ho scelto di unirmi a Jaguar per avere maggiori possibilità di successo. Finché non saremo sulla griglia di partenza non sapremo quanto gli altri team siano migliorati e quali siano le reali potenzialità della Jaguar I-TYPE 2, quindi non vedo l’ora di iniziare e di dare il massimo.”

La carica di Mitch Evans

Mitch Evans, che è stato confermato nella squadra anche per la seconda stagione, ha detto: “Quest’anno la competizione sarà più dura che mai, ma il lavoro svolto dai tecnici ci aiuterà ad ottenere migliori piazzamenti sulla griglia di partenza. Da debuttante, la mia prima stagione è stata molto buona e non vedo l’ora di ricominciare a correre con il team Panasonic Jaguar Racing. Nelson e io stiamo già lavorando insieme per ottenere buoni risultati fin dalla gara di Hong Kong.”

SHARE
Previous articleSformato di cioccolato e formaggio spalmabile: la ricetta
Next articleDS3: la nostra prova su strada
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...