Quando si pensa alle bellezze artistiche che l’Italia ha da offrire non può mai mancare Firenze, pronta a trasformarsi, martedì 12 gennaio 2016, in capitale della moda.

CORNICE SEDUCENTE – Ad aprire le danze un sofisticato aperitivo, celebrante la maestosità italiana in campo glamour. Inizio fissato alle 18 presso il Museo Stibbert, due graditi e celebri ospiti ricorderanno, presso la culla italiana del Riconoscimento, la forza italiana nella bellezza, cosmesi e alta sartoria.

STOP ALL’INVECCHIAMENTO – Primo nome importante, l’imprenditore Paolo Ferrari di Phil Parma esporrà una panoramica delle sue opere ispirate alla corrente avanguardista in un percorso chiamato “Tra canne e pertugi alla ricerca del colore vero”. L’occasione consentirà dunque di presentare l’innovativo Skin Up, dispositivo elettronico antiaging pronto a erogare un soffio a base acido ialuronico, acido Lipoico e Coenzima Q10 adatto a ripristinare immediatamente il fattore idratante cutaneo, venduto in quattro pregiate selezioni olfattive, versioni uomo e donna.

IDEE VINCENTI – Testato nell’università di Ferrara il concept, firmato Filippo Ferrari – ventisettenne laureato in Business e Finanza, figlio dell’imprenditore Paolo – durante lo stesso evento saranno comunicate importanti uscite come le Limited Edition col nuovo pack e la relativa versione Luxury nei colori soft touch dotato di inserto in oro bianco brillante e moderni modelli stampati.

PROSSIMI LANCI – Da febbraio verranno messi in commercio due ulteriori formule, entrambe contraddistinte da acido ialuronico, ossia un attivo dedicato a mantenere in estate un’idratazione costante, complici tirosina e vitamine stimolanti l’abbronzatura, assieme alla miscela volta agli sportivi, contraddistinta pure di oligoelementi termali in un equilibrato mix di rame, magnesio, manganese, zinco, ferro e calcio.

IMMANCABILE BUON GUSTO – Lieto ad unirsi Luca Paolorossi, chiamato a sfoggiare la nuova collezione uomo autunno-inverno 2016/17, chiaramente ispirata alla tipica tradizione britannica e bicolore del bespoke tayloring. Azzeccati i tessuti caldi e morbidi, dal tweed al cashmere, fino alla pregiatissima guanashina secondo una proposta declinata nei check, galles e gessati. Altra creazione il monile 4-chetta, bracciale elegante e colorato che reinterpreta la posata da tavola, distribuita esclusivamente nei migliori ristoranti, assieme a poche ricercate gioiellerie. Coloro che presenzieranno al ritrovo assisteranno pure alla selezione di cavalieri italiani e tedeschi con armamenti, risalenti soprattutto al Cinquecento e Seicento, compresa quella giapponese, tra le più assortite al di fuori del Sol Levante, e l’esercito islamico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here