Esta USA

Gli USA rappresentano uno dei luoghi più affascinanti che vale la pena visitare almeno una volta nella vita, ma possono essere anche una meta ideale per lavoro o studio. In caso di vacanza è però necessario possedere l’ESTA: ecco cosa è necessario fare per averlo.

ESTA USA: cosa fare prima di partire per una vacanza

Troppo spesso in Italia ci lamentiamo di dover avere a che fare con numerose pratiche burocratiche un po’ in tutti gli ambiti, ma fortunamente per chi si appresta a partire per gli USA la situazione è notevolmente migliorata rispetto al passato. Non è infatti necessario avere un proprio visto turistico. Chi vuole trascorrere lì un periodo più o meno lungo deve richiedere l’ESTA.

Ma che cos’è? L’ESTA USA è un Sistema di Autorizzazione Elettronica per viaggiare. E’ un permesso valido per massimo di 90 giorni. Il documento è richiesto solo a chi si reca in una località degli Stati Uniti per motivi di vacanza. Chi invece deve trasferirsi per lavoro o studio ha bisogno di un’autorizzazione specifica al suo scopo.

ESTA USA: come richiederlo e costi

Negli USA niente è lasciato al caso, quindi anche al momento della richiesta dell’ESTA sarà fondamentale dare indicazioni specifiche. L’intestatario del permesso dovrà innanzitutto fornire un contatto dove potrà essere rintracciato nel periodo trascorso oltreoceano. Un viaggio poco organizzato non è quindi consentito. Essere precisi è fondamentale: quando saranno effettuati i controlli per l’immigrazione verranno infatti effettuate le opportune verifiche sulla veridicità del dato.

Come si può immaginare, l’ESTA non viene concesso gratuitamente. Il costo è pari a 14 dollari americani, che devono essere versati sin dal momento della richiesta. Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito o debito, Visa o MasterCard o direttamente sul sito ufficiale dove si può compilare la domanda.

Per non andare incontro a un rifiuto è indispensabile però essere in possesso di un passaporto elettronico.

Trattandosi di un permesso di tipo turistico, l’ESTA viene concesso solo a chi è già in possesso di un biglietto per tornare a casa. Chi pensa di partire per poi decidere sul posto il da farsi dovrà quindi abbandonare l’idea. Sono ammessi anche viaggi itineranti, ma sempre all’interno del territorio degli USA.

ESTA USA: condizioni per ottenerlo più facilmente

Ci sono condizioni che vengono prese in considerazione da chi decide se concedere l’ESTA? Chi lavora, anche non con un contratto stabile in Italia, difficilmente andrà incontro a un rifiuto. Il governo statunitense punta infatti a ridurre il più possibile il numero di persone che entrano nel Paese con la “scusa” di una vacanza per poi trasferirsi in modo quasi stabile. Avere un impiego è quindi considerato un motivo più che sufficiente per tornare a acasa.

Può inoltre essere utile anche scegliere con cura la compagnia aerea con cui viaggiare. Alcune, infatti, non hanno il permesso di atterrare sul suolo americano.

E’ inoltre fondamentale effettuare la propria richiesta con un anticipo più o meno considerevole rispetto alla data scelta per la partenza. Solitamente sono richieste un massimo di 72 ore per prendere in esame la pratica, chi attende troppo quasi sicuramente andrà incontro a una bocciatura della domanda.

ESTA USA: quando la richiesta può essere bocciata

Non tutte le domande di ESTA USA vengono accolte. Negli Stati Uniti si effettuano infatti verifiche scrupolose sulle persone che varcano i confini del Paese per preservare la sicurezza degli abitanti.

Chi in passato aveva presentato una richiesta di visto per motivi di studio o lavoro negata, quasi sicuramente andrà incontro a una bocciatura. In questo caso sarà necessario richiedere un nuovo visto, anche se si tratta di un viaggio turistico. La procedura in questo caso sarà più lunga: la persona interessata deve presentarsi in ambasciata e seguire la procedura indicata.

Domandarespinta quasi sicuramente anche per chi ha precedenti penali.