Elena Grimaldi

Elena Grimaldi (nome d’arte di Elena Borromeo) è un’ex attrice porno classe ’83. La donna ha deciso di interrompere la sua carriera nel 2010 per dedicarsi al suo matrimonio.

Elena Grimaldi: la carriera

Elena inizia a prendere confidenza con il mondo dello spettacolo con una serie di spettacoli di lap dance in alcuni locali notturni di Brescia, la sua città di origine. Questa attività la tiene impegnata per quattro anni. La giovane viene poi scelta per prendere parte al programma “Sexy Bar”, che le fa da viatico per la sua presenza al “MiSex”, la fiera milanese dedicata al sesso. Da qui le si aprono le porte per il cimema hardcore.

Il suo esordio da attrice porno avviene nel 2006 in “Guardami”, diretto da Silvio Bandinelli. L’anno successivo è la volta di “Mucchio selvaggio”, dove interpreta una scena di sesso anale. Nel cast anche Franco Trentalance. Pochi mesi dopo è la volta di “Scatti e ricatti”, pellicola incentrata sulla storia di Fabrizio Corona dove lei dà il volto ad Alessia Grimaldi.

La fine della carriera arriva nel 2010, quando decide di dedicarsi al marito Alessandro, di cui è particolarmente gelosa. La Grimaldi ha una grande passione per gli animali, manifestata qualche anno fa con la vicenda di Green Hill. In quel periodo la sua popolarità è servita a mobilitare l’opinione pubblica per la difesa dei cani maltrattati.

Un rimpianto da confessare

I successi ottenuti in carriera sono stati numerosi, ma Elena Grimaldi non nasconde un piccolo cruccio nel cuore rivelato in un’intervista rilasciata a “Extramagazine”. “Mi dispiace non aver potuto girare una scena con Katsuni (pornostar mondiale francese con origini asiatiche), la mia attrice e donna preferita. Direi la perfezione”.

Nel 2010 il ritiro dal porno

Nonostante la carriera sfolgorante fino a quel momento, Elena nel 2010 decide di dare l’addio definitivo al mondo del porno. Una scelta per molti sorprendente, ma da lei ben ponderata. La giovane, infatti, aveva ben compreso in anticipo il periodo di crisi che da lì a poco avrebbe coinvolto la cinematografia pornografica. Un settore irrimediabilmente compromesso dalla diffusione di internet, dove è possibile trovare numerosi filmati in modo semplice. La rete, infatti, consente di acquisire materiale in maniera totalmente gratuita.

I fan della Grimaldi possono però continuare ad ammirarla durante i suoi spettacoli serali tenuti in alcuni locali. Esibizioni certamente molto più soft rispetto ai suoi film, ma per chi rimpiange la sua presenza sul set rappresentano un piccolo contentino.

Dal canto suo, però, lei sin da subito si dimostra convinta della decisione presa: Non sono pentita, anzi, sono allo stesso tempo sicura che non rifarei quello che ho fatto. Ero giovane e non mi ponevo domande sulle conseguenze delle mie scelte. Cominciai per gioco pensando stupidamente e ingenuamente che la cosa non sarebbe trapelata più di tanto”.

Elena, anzi, non dimentica di dare un consiglio prezioso a chi sogna di ripercorrere le sue orme: “A loro direi di cambiare strada. Magari limitarsi ai locali di strip, ma di lasciar perdere il resto. Una scelta fatta per gioco, con leggerezza quando si è più spensierato può condizionarti per tutto il resto della vita. Ho dei dubbi, francamente, che il gioco valga la candela”.

2 COMMENTS

  1. I must thank you for the efforts you have put in writing this website. I’m hoping to view the same high-grade blog posts from you later on as well. In fact, your creative writing abilities has motivated me to get my own, personal site now 😉

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here