Un arredamento studiato nei minimi particolari rende l’ambiente accogliente, dove trovarsi subito a proprio agio. Orientarsi fra i vari prodotti in commercio può risultare complicato, ecco perché il Catalogo Unopiù 2017 costituisce una validissima risorsa.

In totale relax si sceglie

Spazi aperti e atmosfere innovative sono illustrati sul catalogo. Da sfogliare quasi come un libro fotografico, permettono al lettore di immergersi completamente nel mondo Unopiù, con soluzioni per arredare ogni spazio, tutto l’anno. Comodamente seduti sulla poltrona di casa, senza fretta, si pondera al meglio il prodotto più indicato. Facile identificarsi con le nuove collezioni, per il vivere quotidiano, tante le opzioni fra cui scegliere.

Fantasia e stile

Le novità del 2017 sono concepite per vari usi, nelle situazioni più disparate: giardino, terrazza, attico, portico, piscina ma anche spazi urbani più contenuti e interno della casa. Ma anche nuovi accessori, quali le ceste Mandalay e i tappeti Baku, realizzati in fibra sintetica speciale. Tantissime le colorazioni per dar vita ad ambienti unici e personalizzati, dallo Stile Unopiù.

Poltroncine in cuoio, opera dei migliori artigiani toscani

La stagione in corso presenta innumerevoli innovazioni. Un esempio? La regista Ginger e la tripolina Emy, due grandi classici di Unopiù, che sono ora rivestiti in preziosa pelle artigianale toscana, lavorata secondo le tecniche tradizionali, per un impiego esclusivamente indoor. Più nel dettaglio, la pelle utilizzata è lavorata con l’antica tecnica della “concia vegetale”. Una tecnica capace, attraverso un processo basato sull’utilizzo di tannini vegetali, di trasformare le pelli grezze in cuoio. Ciascun pezzo si rivela pertanto unico, e tra le più fulgide rappresentazioni del Made in Italy. La cosiddetta “bottalatura” contraddistingue questi prodotti, dotati di una pelle setosa e morbida al tatto. La cucitura a mano dona esclusività alla poltroncina, impreziosendo il prodotto nei dettagli. Che al primo sguardo si rivela incantevole, assolutamente da provare.

 

 




LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here