Il servizio di car sharing ibrido? Esiste ed è funzionante e, guardando i numeri, anche performante. Si chiama “Yuko with Toyota” e dispone solo di vetture Full Hybrid Electric: ad oggi (dati aggiornati allo scorso 24 agosto) ha raggiunto quota 1.760 iscritti, con 1.230 noleggi effettuati ed un risparmio di CO2 stimato pari a circa 2 tonnellate. Numeri in costante crescita, che confermano quanto i cittadini di Venezia, città dove il servizio è in funzione, credano nell’importanza dello sviluppo di una mobilità condivisa e sostenibile, a tutela dell’ambiente e del patrimonio artistico della loro città.

Il car sharing ibrido è realtà

La tecnologia Full Hybrid Electric Toyota contribuisce in modo attivo al rispetto dell’ambiente grazie ai bassi consumi ed emissioni ridotte. Inoltre le Prius Plug-in “Yuko with Toyota” sono dotate di solar roof, pannelli solari in grado di accumulare ulteriore energia nella batteria del veicolo, in aggiunta a quella recuperata in frenata grazie all’avanzato sistema Full Hybrid Electric di Toyota. 

Yuko with Toyota, tutto sul car sharing ibrido

Il servizio di car sharing “Yuko with Toyota” dispone di un parco di 50 vetture composto da Yaris Hybrid, Prius Plug – In Hybrid e un Toyota Proace Verso, con allestimento specifico per garantire l’utilizzo anche alle persone con mobilità ridotta. Con Yuko One è possibile prelevare la vettura in uno dei parcheggi abilitati e, una volta terminato il noleggio, rilasciarla nello stesso parcheggio o in altri abilitati al rilascio. Con Yuko Way, invece, è possibile prelevare l’auto abilitata a questo servizio e rilasciarla in un punto qualsiasi all’interno delle aree indicate sul sito web. Ogni utente potrà registrarsi gratuitamente fino al 30 settembre e cominciare a utilizzare subito il nuovo servizio.