Benedetto XVI

Benedetto XVI (all’anagrafe Joseph Ratzinger), che ricopre la carica di Papa emerito, compie 90 anni. E’ stato il primo pontefice della storia a dare le dimissioni. La decisione decisione è stata annunciata l’11 febbraio 2013.

Benedetto XVI: il primo Papa emerito della storia

Benedetto XVI proprio nella giornata di Pasqua taglia il traguardo dei 90 anni, un’età certamente ragguardevole raggiunta raramente dai suoi predecessori. Il suo pontificato, iniziato subito dopo la morte di Giovanni Paolo II, non è stato comunque semplice. In molti infatti gli hanno criticato l’eccessivo rigore mostrato in alcuni frangenti. Da teologo convinto il tedesco ha però più volte cercato di ribadire i dogmi più importanti della Chiesa.

Proprio in quel periodo sono emersi scandali finanziari, fughe di documenti riservati, oltre alla piaga della pedofilia da cui lui stesso aveva voluto una volta per tutte scoperchiare. Anche l’età avanzata e una uno stato di salute difficile anno comunque influito sulla sua decisione.

Il suo atto, il primo di un Papa da sei secoli, ha aperto una strada e una figura nuove nell’organigramma della comunità ecclesiale, quella del “Romano pontefice emerito”, o “Papa emerito” – denominazione che lui stesso ha voluto, contro quella consigliata dai canonisti di “vescovo emerito di Roma”. Grazie alla sua decisione il ruolo di successore di Pietro non sarà necessariamente svolto da un Santo Padre fino alla morte.

Benedetto XVI: i festeggiamenti

Il compleanno di Ratzinger sarà festeggiato al meglio, anche se in modo sobrio come si addice alla sua personalità. Visto che la ricorrenza avviene in coincidenza con la Pasqua, tutto sarà rimandato al giorno successivo il lunedi dell’angelo.

Nei Giardini Vaticani il Papa Emerito avrà al suo fianco le persone più care. Tra questi ci saranno certamente il fratello maggiore Georg, giunto per l’occasione dalla Baviera pur non essendo pià giovanissimo (ha 93 anni) e il segretario personale e braccio destro, che è anche prefetto della Casa Pontificia, monsignor Georg Gaenswein. Non mancheranno piccola delegazione dal natio ‘land’ tedesco e un gruppo di Schuetzen, con costumi tipici e musiche tradizionali.

Nei giorni scorsi anche Papa Francesco ha fatto visita al suo predecessore, un gesto che conferma il grande rapporto che li lega. Si tratta di un’ulteriore dimostrazione della loro fiducia reciproca e che smentisce chi parlava di loro contrapposizione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here