batteria iPhone

Gli smartphone sono ormai entrati prepotentemente nella vita di ognuno di noi grazie alle numerose comodità e azioni disponibili. Spesso, però, chi ha un uso intenso del dispositivo teme di essere abbandonato sul più bello. Ecco quindi alcuni consigli da seguire per chi vuole preservare il più a lungo possibile la batteria dell’iPhone.

Batteria iPhone: elimina le app inutili

Molti possessori di smartphone sono abituati a personalizzare il proprio device con una serie di app da utilizzare nella vita quotidiana. Ce n’è davvero per tutti i gusti: dalle previsioni meteo ai social network, dalle news alla lettura delle e-mail, ma senza dimenticare giochi, oroscopo e molto altro. Spesso però il loro utilizzo finisce per logorare, quasi senza accorgersene la batteria.

Chi desidera aumentare l’autonomia dovrebbe quindi innanzitutto fare un’attenta selezione della app presenti sul proprio telefono e valutare se siano davvero indispensabili.

È possibile così capire quali siano quelle che consumano maggiormente. Fare una verifica è piuttosto semplice anche per gli utenti meno esperti. Basta accedere al menu “Impostazioni” ed entrare nella schermata “Batteria”. Qui si possono vedere quali sono le app che hanno consumato maggiormente nelle ultime 24 ore o nell’ultima settimana.

Questo monitoraggio è utile anche perché dice quante di queste consumano in background, cioè quando non le stiamo effettivamente utilizzando. Può essere utile inoltre disattivare la funzione “Percentuale batteria”: pochi lo sanno, ma consuma in modo non indifferente.

Batteria iPhone: regola il Pannello di Controllo

All’interno del “Pannello di Controllo” è inoltre possibile regolare alcuni parametri. Innanzitutto è possibile spegnere il Wi-Fi e il Bluetooth se non si ha la necessità di utilizzare. Il consumo è basso ma c’è sempre.

Se non lo è già è possibile disattivare anche “AirDrop”. Non dimenticarsi inoltre di abbassare al minimo la luminosità (e mettere la regolazione automatica dalla preferenza delle Impostazioni). Per chi utilizza “Night Shift” è consigliabile limitarlo solo alle ore notturne.

Batteria iPhone: attenzione ai servizi di localizzazione

I responsabili principali della scarsa durata della batteria dell’iPhone sono però certamente i servizi di localizzazione. Sono numerose infatti le app, a partire dai social network, che cercano di individuare automaticamente la nostra posizione. Quando avviene la ricerca, però, inevitabilmente diminuisce fortemente anche l’autonomia.

Risolvere il probòema è comunque piuttosto semplice. Basta andare nel menu “Impostazioni” e accedere al menu “Privacy”: qui si può fare tap su “Localizzazione”. Si troverà davanti l’elenco delle app che utilizzano i servizi Gps di localizzazione. Per alcune di queste, però, non c’è alcun bisogno di fare sapere dove ci troviamo. La funzione può essere quindi disattivata.

Nel caso delle app che hanno bisogno di indicare la localizzazione si può scegliere comunque il livello con cui dare l’informazione. Apple da tempo ha introdotto due livelli di utilizzo della funziona di localizzazione: “Sempre” e “Quando in uso”. La regola dovrebbe essere che le app possono utilizzare il Gps, molto costoso in termini di consumi energetici, solo “Quando in uso”.

Batteria iPhone: i Servizi di Sistema

I possessori dei dispositivi Apple apprezzano certamente la “mela morsicata” per i numerosi servizi che fornisce agli utenti. Tra le funzioni utili ma non necessarie ci sono “Diagnosi e uso”, “Itinerari e traffico” e “Popolari vicino a me”.

Molti possono essere disattivati, ma ce ne sono un paio che è bene tenere sempre in funzione. Si tratta di “SOS Emergenze”, che registra dove ci troviamo in caso di chiamata di emergenza, e “Trova il mio iPhone”, utile in caso di smarrimento o furto del telefono.

Si consiglia invece di mantenere attiva “Condividi la mia posizione” solo se abbiamo un gruppo di amici con i quali siamo interessati ad avere rapidamente una indicazione di dove ci troviamo. Si tratta però di una funzione che consuma abbastanza energia. È bene usarla quindi solo se è davvero indispensabile.

Batteria iPhone: occhio alla posta elettronica

Gli smartphone sono particolarmente apprezzati soprattutto per chi ha la necessità di essere in contatti con amici e colleghi attraverso la casella e-mail. Si tratta di una funzione utilissima, ma decisamente esosa. Il problema nasce da iOS, dotata della funzione Push per la posta elettronica. Questo porta però un continuo collegamento al server di posta per chiedere se ci sono novità. È una opzione trasparente, che avviene in background, e che può consumare molta energia.

In questi casi si può ricorrere alla modalità manuale di download, scegliendo ogni quanto scaricare la posta: 30 minuti può essere la frequenza adatta. È un’opzione utile anche per diventare meno dipendenti dalle nostre e-mail.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here