Si tratta di uno degli account di maggiore successo sul popolare sito di microblogging dove cattura gli utenti per l'ironia utilizzata anche per parlare di temi importanti

Azael è presente su Twitter ormai da qualche tempo e ha guadagnato grande seguito grazie ai suoi aforismi. I suoi tweet generano interesse e sono spesso motivo di discussione tra il popolo della rete.

Chi è Azael

Azael, oltre ad essere presente sul popolare sito di microblogging, è anche uno scrittore poliedrico. E’ infatti co-autore del collettivo satirico Diecimila.me che si definisce “comunità di recupero per creativi compulsivi”.

E’ stato lui stesso inoltre a creare e gestire l’account Twitter @casalegglo (con la l al posto della i): l’originalità dei suoi pensieri gli è valsa il premio di “miglior fake” al Twitter Awards 2013. Dobbiamo inoltre segnalare il suo contributo anche nella redazione degli ebook “Non potevo aspettare che morissi per rifarmi una vita” e “Essere Casaleggio. Fine del mondo in tre, due, uno minuti”.

Azael: la scelta del nome

Ma come nasce il suo account su Twitter? Qualche tempo fa è stato lui stesso a spiegarlo in un’intervista rilasciata a ‘Panorama’: “Ho scelto Azael perché faccio Santamicone di cognome. Se ti chiamassi anche tu così avresti scelto un nomignolo corto, esotico ed esoterico. Azael è una specie di diavolo citato nei libri apocirifi della Bibbia, oltre che nei muri dei bagni dell’autogrill Valdichienti Est. L’ho scelto perché pare che fosse fosse l’unico diavolo ad aver piazzato un casino per quella cosa dell’invenzione del ginseng”.

Di cosa parlano i suoi tweet

Ma perché dovremmo diventare seguaci di Azael su Twitter? Ironia, comicità e paradosso sono caratteristiche distintive dei suoi tweet. Una sua frase spiega bene questa idea: “Scrivo aforismi, comandamenti e Vangeli, ma, a differenza di quell’altro, ha il buon gusto di scrivermeli da solo”.

Anche nello spiegare la sua popolarità acquisita Azael non manca di utlizzare il sarcasmo: “Io continuo a fare la spesa con il mio vecchio stipendio 1.0. Ma ora ho la possibilità di pettinarmi l’ego con i complimenti della gente. Posso contare su un bacino di pazzi sempre pronti a leggere qualsiasi cosa io scriva. Sia che si tratti di cazzate, battute o cose più serie”.

NO COMMENTS

Rispondi