Automobile di seconda mano: un mercato enorme online

Automobile di seconda mano: un mercato enorme online

1 292

Viviamo in un’epoca di ristagnazione economica, tutti lo sappiamo. L’automobile di seconda mano sta assumendo dunque sempre più importanza. Buttare un occhio in giro per il web ne vale la pena, potendo trovare delle ottime occasioni.

PESO NOTEVOLE

La ricerca DOXA commissionata da Subito, azienda n.1 in Italia nella compravendita online con oltre 8 milioni di utenti unici, evidenzia come l’automotive valga 10,7 miliardi (59,5%). Confermando il forte impatto che questo settore ha all’interno dell’economia del Paese. Valore pari 4,2 miliardi di euro (39% del totale), ovvero il 62% di tutta la second hand economy online. Il 25% dell’usato, che cresce del 9,1% YoY, del totale veicoli passa attraverso Subito con oltre 1,1 milioni di vetture. La categoria Motori è la più visitata del portale: ogni giorno sono infatti circa 23.000 i nuovi annunci auto inseriti. 1 italiano su 3 dichiara di utilizzare la piattaforma per trovare il modello desiderato. Nel 2015 sono stati più di 8,3 milioni le inserzioni automotive di cui 5,1 milioni hanno riguardato le vetture. 730.000 i veicoli commerciali, 141.000 caravan/camper e 2,3 milioni gli accessori auto.

PREZZI VANTAGGIOSI

Motori è per noi la categoria più importante con il 30% di tutti gli annunci e oltre 3 milioni di visitatori al mese”, afferma Melany Libraro, General Manager di Subito. “Motori vuole diventare il punto di riferimento del business automotive in Italia e Subito il partner di rilievo per le case automobilistiche e per i concessionari”. La compravendita genera un volume di affari che si attesta su una spesa media per ogni acquisto di circa €5.500 per le automobili e di €6.600 per i veicoli commerciali. Solitamente gli accordi vengono stretti all’interno della provincia (80%) e della città di residenza del’acquirente(52%). Il 62% di chi compra e il 69% di chi vende online rivela infine che si affiderà nuovamente al mercato del Second Hand.

MENO INQUINAMENTO

Le parti fanno affidamento sull’usato anche per motivi ecologici. Schibsted Media Group, multinazionale norvegese, ha a tal proposito quantificato per la prima volta il risparmio potenziale di anidride carbonica. Relativamente a Subito, durante lo scorso anno è stato reso possibile risparmiare 3,4 milioni di tonnellate di CO2 derivanti per l’80% dall’automotive. Fatto un paragone, corrispondono al blocco totale del traffico per 25 mesi a Milano o per 8 mesi a Roma. Impossibile restare indifferenti.

1 COMMENT

Rispondi