Auto elettrica: ecco come si ricarica in Renault

Auto elettrica: ecco come si ricarica in Renault

0 516
Renault
Renault

Renault amplia la propria gamma di partner nelle soluzioni per la ricarica dell’auto elettrica e dà il via ad una collaborazione con Scame nell’offerta di dispositivi per la ricarica domestica, condominiale e pubblica. Le soluzioni di ricarica Scame si aggiungono a quelle di Enel e di Schneider Electric, già disponibili presso la Rete Renault. La tranquillità di ricaricare in totale sicurezza il proprio veicolo elettrico dovunque ci si trovi: con questo comune proposito nasce una collaborazione tra Renault, costruttore automobilistico con una gamma completa di auto elettrica, e Scame Parre, azienda di riferimento nella produzione di materiali elettrici e connettori per la ricarica di veicoli elettrici.

In virtù di tale partnership, da oggi presso la Rete Renault sarà, quindi, possibile accedere anche alle soluzioni Scame per la ricarica, oltre a quelle già disponibili di Enel e Schneider Electric. Renault amplia in tal modo la propria rete di partner, allargando l’offerta su misura per la propria clientela. Per una ricarica più rapida, sicura ed affidabile, Renault consiglia l’utilizzo di sistemi di ricarica appositamente studiati dai suoi partner per i veicoli elettrici, dispositivi conformi alle norme in vigore ed installati da professionisti qualificati che si assicurano della conformità dell’impianto.

Ampia la gamma di soluzioni per la ricarica di veicoli elettrici sviluppata da Scame, con soluzioni ideali per la ricarica in ambienti domestici, cioè per ricaricare il proprio veicolo elettrico Renault comodamente nel proprio garage di casa, come la “wall box”, che permette una ricarica a 16 A – 230V, assorbendo una potenza fino a 3,5 kW. Per la ricarica in ambienti condominiali (es. parcheggio condominiale), la wall box Scame è disponibile anche con funzionalità di riconoscimento utente mediante card RFDI, blocco anti-estrazione del connettore durante la ricarica e blocco del coperchio presa.

Scame ha, inoltre, studiato e progettato appositamente per il quadriciclo elettrico Renault Twizy una wall box semplificata, con un assorbimento elettrico di soli 2kW. Ancora più evolute, infine, le soluzioni sviluppate da Scame per la ricarica in aree pubbliche (centri commerciali, hotel, aziende, parcheggi pubblici,etc.), colonnine che prevedono, oltre alle funzioni di riconoscimento utente e blocco antiestrazione, anche il controllo da remoto ed il collegamento in rete di più stazioni di ricarica. Tali colonnine arrivano ad un assorbimento di potenza per punto presa fino a 22 kW, consentendo una ricarica ad es. di Renault ZOE in 1 ora.

NO COMMENTS

Rispondi