Assicurazione, i 15 giorni di tolleranza: cosa c’è da sapere

Assicurazione, i 15 giorni di tolleranza: cosa c’è da sapere

0 264

Facile commettere passi falsi quando l’argomento trattato è così ingarbugliato come l’assicurazione. Una regola da comprendere bene è quella dei 15 giorni di tolleranza, che permettono di avere una copertura anche dopo la scadenza della polizza.

LA CIRCOLARE

Chiarezza sull’argomento è arrivata con la Circolare del Ministero dell’Interno, Direzione Centrale per la Polizia Stradale, n° 300/A/1319/13/101/20/21/7 del 14 febbraio 2013. La circolare precisa che tutte le compagnie sono tenute a garantire la copertura assicurativa per 15 giorni dopo la scadenza del contratto (riportata sul tagliando),  indipendentemente dal fatto che l’automobilista rinnoverà o meno con la medesima compagnia. Il guidatore è inoltre in regola con il Codice della Strada. I 15 giorni valgono non solo per la scadenza annuale, ma pure per l’eventuale scadenza semestrale nel caso di contratti annuali pagati in due rate.

SANZIONI

15 giorni sono automatici, sia per le compagnie online che per quelle tradizionali.  In caso di controllo delle Forze dell’Ordine col tagliando scaduto da meno di 15 giorni non c’è alcun problema. Dopodiché incorrono le sanzioni per circolazione con assicurazione scaduta: multa da 687 a 2.754 euro e sequestro del veicolo. Il rischio maggiore resta comunque la mancata copertura in caso di sinistro. I 15 giorni non si applicano esclusivamente in situazioni particolari, ad esempio alle polizze provvisorie di 5 giorni.

NUOVA POLIZZA

La nuova polizza decorrerà dalla vecchia scadenza. Cambiando compagnia, oppure stipulando un nuovo contratto con la medesima, possiamo invece tranquillamente far decorrere la polizza dal 15° giorno dopo la scadenza della vecchia. Possibile beneficiare quindi 15 giorni di copertura gratis ogni anno! Un trucchetto utile a risparmiare qualcosa sulla polizza, pari al 4,1% annuo. Ovviamente viene fatto un affare se il nuovo contratto stipulato risulta effettivamente più conveniente, a parità di classe, del vecchio. Non fatevi prendere dalla frenesia di cambiare compagnia, ma piuttosto analizzate tutti i pro e i contro. La fretta non è mai ottima consigliera.

 

 

 

NO COMMENTS

Rispondi