Area C

È già da tempo che la città di Milano ha introdotto delle restrizioni della circolazione in determinate zone. Per ridurre i valori delle polveri sottili, è stata delimitata una zona centrale definita Area C. Ma non piovendo da tanto tempo, i valori delle polveri sottili è salito al di sopra dei parametri stabiliti dell’ordinanza comunale. Per preservare la salute dei suoi cittadini, il Comune di Milano ha bloccato la circolazione in determinati orari alle auto più inquinanti. Infatti dal 17 Ottobre 2017, tale restrizione è entrata in vigore.

Area C: restrizioni d’accesso per determinati veicoli

Area C

L’area C, che coincide con la Zona Traffico Limitato della Cerchia dei Bastioni, è attiva il Lunedì, Martedì, Mercoledì e Venerdì dalle 7:30 alle 19:30. Invece per la giornata di Giovedì l’orario serate è anticipato alle 18:00. Nei giorni festivi invece non è attiva.

L’accesso è completamente gratuito per le auto elettriche, ciclomotori e motoveicoli. Invece le auto alimentate a benzina Euro 0 e i diesel Euro 0,1,2,3 e 4 senza filtro antiparticolato, non possono accedere.

Per tutte le altre categorie di veicoli non menzionati, l’accesso è regolamentato da ticket a pagamento.

Per capire a quale classe appartiene la nostra auto,  conviene visitare il sito internet dell’ATM.

Ma dalla giornata di ieri, almeno momentaneamente, le cose sono cambiate. Infatti dopo aver rilevato per diversi giorni i valori delle polveri sottili, che hanno sforato il limite massimo, il Comune di Milano ha esteso a tutta la città i limiti impiegati nell’area C.

Solo gli orari sono stati modificati. Infatti non è consentito circolare con autovetture non in regola con i parametri sopra esposti, dalle 8:30 fino alle 18:30.

Questa ordinanza sarà in vigore almeno fino a quando i valori delle polveri sottili, non rientreranno nei parametri indicati nelle normative di salute. Inoltre tale dati dovranno rimanerci per almeno due giorni. 

Per i cittadini di Milano e per tutti quelli delle varie città italiane che attuano tali restrizioni, è un notevole disagio. Limitare la circolazione a chi deve utilizzare l’auto per lavoro, non è corretto. Va bene che la salute è un bene che riguarda tutti ed è importantissima, ma bisogna anche considerare altri fattori e trovare soluzioni alternative. Infatti a mio giudizio non sono solo le auto ad inquinare, ma anche e soprattutto quelle aziende fuori norma e anche alcune tipologie di abitazioni. Bisogna agire in maniera rapida e nel bene di tutti.

 

 

SHARE
Previous articleUn successo assicurato, la Ssangyong Rexton
Next articleDa meccanico a meccatronico: cosa cambia per gli addetti ai lavori
Appassionato di auto e di tutto ciò che le riguarda, dopo diverse esperienze lavorative in questo settore in aziende che progettano e producono componentistica specifica, ho deciso di intraprendere la carriera di Automotive Web Author e Automotive Digital Manager. Sono convinto che il digitale sia l'arma migliore per dare innovazione al settore automobilistico. Passione e competenza mi accompagnano in ogni mio articolo.